A pascolar le mafie

Questa è una storia senza coppola e senza lupara, una storia di mafia però, anzi di mafie moderne. Quelle dei pascoli abruzzesi divorati filo d’erba dopo erba dalla famelica corsa ai contributi pubblici, spillati, tra il lecito e l’illecito, tra affari e intimidazioni, tra cavilli di carta e animali al macello, dalle casse dell’Europa e…

Il contenuto di questo articolo è riservato ai membri Sostenitore

Registrati per continuare la lettura dell’articolo.
Sei sei gia iscritto, fai il Login
Visita la nostra pagina per saperne di più! InfoAbbonamenti