Addio al medico-scalatore

E’ morto oggi pomeriggio nella sua abitazione a Sulmona, Geppino Madrigale, medico condotto e alpinista conosciuto in città.

Madrigale aveva settanta anni e da poco meno di un anno era andato in pensione, senza tuttavia mai davvero lasciare il suo studio che condivideva con altri colleghi.

Proprio oggi era passato come spesso faceva per dare una mano e aveva però detto di voler tornare a casa perché era raffreddato e non si sentiva bene.

Questo pomeriggio, verso le 16,30, quindi, la morte, dovuta a quanto pare ad uno scompenso cardiaco.

Madrigale, in verità, da qualche anno stava combattendo contro un brutto male che lo aveva debilitato, senza però spegnere la sua energia e la sua voglia di fare.

Medico conosciuto, ma soprattutto sportivo e scalatore appassionato, aveva partecipato in passato a diverse spedizioni alpinistiche, tra cui la scalata del K2, la seconda montagna più alta al mondo, nella catena dell’Himalaya.

Il funerale si terrà mercoledì prossimo alle ore 11 presso la chiesa di San Francesco di Paola, la camera ardente è allestita invece presso la Casa funeraria Caliendo e Celestial.

2 Commenti su "Addio al medico-scalatore"

  1. Buon viaggio Geppino ❤️.Ti penserò fra una vetta e l’altra !
    Grazie di tutto

  2. Ciao Geppy, ti sei sempre preso cura di me da sempre, mi hai salvato la vita due volte, ogni giorno mi arrivavano i tuoi messaggi di buon giorno che ora non vedro’ piu’. Eri la mia famiglia, la persona di riferimento e mi hai sempre dato buoni consigli. Sei stato un bravo medico, ma anche una persona con un cuore enorme. Chi mi seguira’ ora da qui dalla lontana America? Grazie per avermi fatto sentire sempre sicura e protetta con le tue conoscenze mediche. Ti portero’ sempre nel cuore. Tua Cugina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*