Anche la Lega boccia il nuovo mercato di Sulmona

Bocciato anche per la Lega il nuovo mercato cittadino che accodandosi alla consigliera di opposizione Bianchi, lancia una dura critica all’amministrazione comunale. Una pianificazione tanto veloce quanto improvvisata secondo la Lega che ha raccolto un’adesione esigua di 4 bancarelle, ma con l’aggiunta della chiusura totale al traffico ha sicuramente danneggiato i commercianti stanziali che lavorano sulla piazza stessa.

“Riteniamo che con un minimo di buon senso e soprattutto condivisione in più – scrive la consigliera leghista Roberta Salvati – si sarebbero potute fare delle scelte diverse da parte della sindaca Casini del Comune di Sulmona che, almeno, non avrebbero recato danno a nessuno. Non solo raccogliamo quindi la protesta di quei commercianti che, per niente coinvolti dall’amministrazione comunale, hanno visto le vendite azzerate nella prima mattinata di mercato in un periodo già molto difficile ma, invitiamo la stessa amministrazione a ponderare meglio tecnicamente ogni tipo di scelta da compiere specie se legata all’emergenza coronavirus. Sono sì soluzioni ‘provvisorie’ quelle adottate per il mercato dallo staff comunale, ma non sono certo partite con i migliori auspici: in primis perché non l’hanno studiata”.

“Vero che la piazza era comunque chiusa durante i giorni di mercato – scrive ancora Salvati -, ma ora la differenza è che i giorni scelti sono maggiori, e la situazione di emergenza economica in cui versano tutti i commercianti locali non può essere ulteriormente aggravata. La sindaca ha rispettato in maniera piatta le nuove norme sulla sicurezza e non le ha contestualizzate. Anche perché ha scelto una soluzione sbrigativa e a costo zero che non ha coinvolto nessun’altra categoria professionale d’ambito tecnico, dato che esistono studi rodati e applicati ad altri contesti. Pur passando sopra a queste ennesime imperfezioni si spera che, errori del genere, insistiti anche su una tempistica e una comunicazione mal applicate, non si verifichino anche per altri problemi di nuova natura gestionale che arriveranno, e che riguarderanno sempre il tema centrale di una città che versa in condizioni socio economiche sempre più critiche. Ma del resto se già la gestione dell’ordinario per questa amministrazione comunale è da sempre risultata difficile, non poteva andare meglio quella straordinaria”.

23 Commenti su "Anche la Lega boccia il nuovo mercato di Sulmona"

  1. Ma sti studi “RODATI” e applicati ad altri contesti” quali sono? Non poteva citarli? Non credo di dire eresia nell’affermare che ogni studio va calzato sulla realtà territoriale!
    Io di “RODATO” vi trovo solo la LINGUA, colleghi consiglieri tutti inclusi.

    • O bravo o brava perché non sapremo mai chi è lei …. è un po’ come Zorro non si sa chi si cela dietro la maschera ….ma con la spada (tastiera )cerca di ferire tutti.pero’ha detto una cosa giusta che lei usa a suo piacimento”ogni studio va calzato sulla realtà territoriale”in questo caso dice lei è giusto ,nel caso della Ztl invece no perché non le piace più …. dovrebbe fare pace con se stesso/a e seguire una linea ….altrimenti rimane il leone da social che dice tutto e il contrario di tutto

      • O forse non ha letto bene il comunicato o sta maldestramente tentando di travisare il mio post, o forse tutte e due. Il consigliere segnala “adottate soluzioni partite male perchè non studiate” di “soluzioni sbrigative senza aver coinvolto categoria professionale d’ambito tecnico” e dell’ “esistenza di studi rodati e applicati ad altri contesti”. Ora, sintetizzato il concetto del consigliere e tornando al suo commento, dov’è l’errore del quesito da me posto? Quali questi “studi rodati e applicati ad altri contesti”, come ha fatto a non notare lo strano abbinamento “rodati su altri contesti”? A me un dubbio di validità tecnica lo fa venire, avrà forse voluto dire che quello che va bene per una cosa va bene per tutto? Forse è merito di questi non meglio specificati tecnici di categoria professionale? Su quali contesti sono stati rodati questi studi e quali i mirabili risultati? E qui vi unisco la domanda che mi ha posto sulla mia necessaria ricerca di pace interiore sul caso ZTL, lei lo ha detto ed io glielo riconfermo nel dirle che sono strenuamente contrario ad un apertura al traffico veicolare sul Corso perchè vedo da decenni i risultati prodotti da questa ZTL monca e atipica. Mi sveli lei o in suo aiuto qualcuno dei “tecnici di categoria professionale” che conosce bene che “ogni studio va calzato sulla realtà territoriale”, io non so dove recuperarlo per dargli una letta. Se mi vuole aiutare può anche darmi il cellulare del suo psichiatra, gli parlerò del suo caso di doppia personalità.. Maledetto Covid 19.. Insieme ce la faremo.. Andrà tutto bene !!!

        • Allora : parliamo semplice semplice ….per la Ztl il comune mesi fa su pressione di sbic è intervenuta con l invito a una dottoressa dell’ università del L’Aquila per parlare proprio di queste tematiche studiate da tempo …..eravamo tutti presenti e io invitato per fare un intervento dallo stesso direttore di questa testata giornalistica che in quella occasione era moderatore e tra gli organizzatori nel palazzo della comunità montana di Sulmona dove erano presenti politici commercianti e gente comune ….ora dove può leggerlo non so provi a scrivere su Google e veda un po’…..l articolo è molto chiaro e le risposte ancora di più ….ad un ex assessore di questa giunta che su fb lamentava il fatto di non trovare soluzioni per il centro storico che faceva la scoperta che un possibile fallimento era la crescita esponenziale della vendita on line io risposi:se fa l assessore e nessuno con una pistola in mano lo aveva costretto a farlo doveva dare risposte e trovare soluzioni…lui di tutto pugno mi mise due link dove si dava la colpa della crisi a vari fattori e con questa chiudeva la pratica dicendo che era impossibile farcela ….io gli miei 20 link di città e paesi che invece ci erano riusciti uno in Sicilia sconfiggendo addirittura un sistema mafioso….tutto questo per dirle che tutto è stato inventato nessuno aspetta fantomatici scienziati che usciranno da Sulmona …..ma che invece basterebbe nell’ era dell’ informatizzazione copiare chi è bravo e chi è riuscito ad andare avanti….potrei portare l esempio di Pescocostanzo dove vado per lavoro da 20 anni che con la politica forte di pugno un ex non di sinistra ma comunista al quadrato ha imposto regole architettoniche di colori di cassette del gas in ferro battuto ecc ecc ….quando proposi a un tecnico di li di prendere il regolamento di cambiare il nome in testa e metterci Sulmona si mise a ridere ….troppa la presunzione ,li in quei tempi volevano linciare il sindaco che chissà cosa si era messo in testa (poi rieletto due volte)sa perché????perché tutti i criticoni che non vedevano al di là del naso si godere lievitare le case da 1000 a 6000 euro a M2 le proprie case ……a Sulmona invece??????anni di politica distruttiva in tutto e per tutto…. potrei continuare all’ infinito ….quindi io penso sia giusto finirla con i filosofoni da struscio di corso Ovidio e farei due tre ore di ricerca su internet che si trova tanto e si impara tanto cose rodate così come scritto sopra…..

          • Nonostante tutto quello che ha scritto, non riesco a trovare in nesso fra commercio e necessità dell’abolizione della ZTL, ne pregi ne difetti, ne ha spiegato nulla. La vedo attivo nel partecipare a convegni e similari ma continuiamo a mettere il nulla nel nulla come il nulla da quel che racconta è uscito dal convegno. Proposte zero, azioni zero. Quello che mi ha fatto capire è che la colpa della crisi è da imputare unicamente a chi in Comune non sa gestire il piano colore, ma forse ha ragione lei, non sappiamo copiare da chi ha svoltato e i risultati si vedono tutti… Le faccio i complimenti, non poteva dirlo più semplice di così!

          • Scusi Mariotti, ma se un commerciante vende un prodotto che si trova nei siti di e-commerce (inevitabilmente a prezzi inferiori) e questo lo mette in difficoltà, è un problema del commerciante o della collettività? Se io oggi apro un negozio in centro storico in cui vendo CD, magari lo faccio pure senza aver fatto uno straccio di business plan, e, com’è ovvio, il negozio non va bene, perché deve essere un problema dell’Assessore o dei Sulmonesi? Non si può scaricare il rischio imprenditoriale sugli altri, a maggior ragione quando l’imprenditore non si è neanche preoccupato di verificarlo preventivamente e di “gestirlo”. Mi fa un esempio di un negozio del centro storico di Sulmona che qui soffre e che a Pescocostanzo invece farebbe faville?
            Dopodiché io condivido molta dell’analisi che fa (non le soluzioni che propone!): anni di politica assente, approssimazione, assenza di volontà collettiva e di spirito comune. Ogni commerciante si muove per conto proprio, ognuno tira in una direzione diversa, e le battaglie si fanno non nei luoghi istituzionali dove poter ragionare anche con la parte pubblica, ma nei corridoi. Io la mia idea l’ho scritta in un altro post ieri su questo sito, ed evito di ripeterla. Ma Sulmona, i suoi commercianti, e non l’Assessore, dovranno decidere cosa fare da grande, sperando che nel frattempo non muoia di vecchiaia.

  2. rispondo prima a zorro(temp) quindi nemmeno i convegni per discutere …..sa chi e’la dottoressa che e’venuta a parlare con noi?quella signora che ha scoperto qualche mese fa la truffa dei pascoli in abruzzo collusi con la mafia….ma ha quanto leggo lei figlio di zichichi imparentato con einstein ne sa piu di tutto e tutti …..veda il filmato di cosa abbiamo detto o provato di fare ….poi sempre mettendomi un gradino piu’giu di tutte le parantele eccellenti io non ho detto che la crisi e del piano colore …le sto spiegando che un paese con scuole tutte fuori sede una anche a pratola museo chiuso palazzi decadenti erbacce ovunque palazzo liceo ovidio in evidente abbandono(il salotto di sulmona)2000 abitanti in centro 1000 stranieri che ringrazio sempre (altrimenti saremmo come il citta’sant angelo village)vuole delle soluzioni sisma bonus con recupero del 110% con un ufficio aperto dal comune com ingegneri bravi che facciano le pratiche per ristrutturare km e km2 di edifici vuoti i primi quelli di proprieta’del comune che darebbe lavoro alle imprese e cittadini normali una volta ristrutturati con i soldi dello stato imporre una griglia per gli affitti bassi visto che i palazzi erano abbandonati e con soldi pubblici diventano sicuri e belli …..lei e’stato ad Orvieto 23000 ABITANTI (21000)abitano in centro storico balconi fioriti e tutto ristrutturato li le auto non si vedono perche non ne hai bisogno scendi da casa ed hai tutto a portata di mano tutti lavorano e commercianti e abitanti vanno a braccetto …addirittura hanno istituito il piedibus con fermate ogni 200 m i bambini vanno tutti insieme a scuola a piedi sa perche’?non vanno a scuola come i miei nei locali dove facevano le pizze e il pane area artigianale …ora rispondo a marios ….conosco benissimo i problemi del commercio visto che a casa mia da tre generazioni viviamo di quello non e’mai rientrato un euro di nessun lavoro da dipendente …..ripeto le metto una ventina di link di paesi che hanno battuto i centri commerciali e io voglio guardare a quelli…..pescocostanzo ?quello che fa che quattro mesi l’inverno qui a sulmona lo fai con due anni ….la prima industria al mondo?il turismo ….quando arrivano i signori dei trenini della transiberiana si vede ….io non scarico nulla su nessuno ma se il comune passa a natale a chidere i soldi per gli eventi e su 14000 ne mettiamo 5000 possiamo dire qualcosa o siamo solo bancomat?????quegli eventi poi fanno piacere a tutti o no?o site tutti GRINCH…???????LA POLITICA DOVREBBE ASCOLTARE E TROVARE SOLUZIONI nessuno li obbliga a stare li se non sono capaci…https://www.facebook.com/watch/?v=1944966908954247 vada su questo link dove addirittura la chiesa guardi che fa ….ci vogliono manager persone preparate e non amici degli amici perche poi il risultato e’evidente!!!!!!quattro anni fa si potevano fare proggetti con i fondi FAS SOLDI A PIOGGIA DALL’EUROPA …sulmona?200000 mila euro per l’incubare turistico sotto il parco fluviale che spero non apra mai se prima non si mette in sicurezza la frana di via turati altrimenti finiamo su tutti i telegiornali del mondo (frana sui camperisti)ok quindi con i fondi FAS un bel parcheggio di un piano interrato su tutti i terreni circonvalazione di fronte l’IGEA CON SCALA MOBILE CHE TI PORTA DIETRO VIA QUADRARIO CON TUTTO VERDE AL DI SOPRA GIOCHI CAMPETTI OI ALTRE IDEE ….SI RIVITALIZZEREBBERO I VICOLI CHE PORTANO A PIAZZA XX (COE GIA VISTE PERUGIA ASSISI)VADO AVANTI???????IL PROBLEMA TUTTO SI RISOLVE IN ZTL SI ZTL NO IO SONO A FAVORE DELLA CHIUSURA TOTALE METTENDO I CITTADINI RESIDENTI COMMERCIANTI E TURISI NELLA COMODITA ‘E NEL PIACERE DI VENIRE IN CENTRO….ORA I PIU’INTELLETI DIRANNO SANTA CHIARA?IO VIVO VICINO AL BAR SCHIAZZA E QUELLA E’LA ZONA PIU’POPOLOSA DEL CENTRO HO DUE BAMBINI PICCOLI PARCHEGGIO A SANTA CHIARA ,LA NOTTE DEVO USCIRE HO DUE BAMBINI PICCOLI DEVO CORRERE FINO ALL’INGRESSO DI FRONTE LA FERRAMENTA MACHITA …PERCHE L’INGRESSO DI PIAZZA GARIBALDI ALLE UNDICI CHIUDE …..RIPETO SI PUO’PARLARE E TROVARE MILLE SOLUZIONI IO NON VOGLIO IMPORRE LE MIE IDEE MA NEMMENO CHE LA SOLUZIONE SIA I GIRETTI IN BICI…

    • Siamo tornati al punto di partenza. Ma cosa mi risponde? E con cosa mi risponde? Aggiunge solo parole su parole. Dove ho detto non ai convegni? Piuttosto dia lei dei riscontri e non lanci la caccia al tesoro su internet… Quando questo convegno? Faccia il nome di questa dott.ssa. Chi i partecipanti. Ma cosa più importante a cosa si è venuto a capo? Che volete fare? O meglio che volete che gli altri facciano per voi? E anche il perché? La correggo, ma il piano colore lo ha tirato fuori lei, si rilegga il suo post. Il caso scuole e studenti fuori sede e a seguire, non fanno altro che ingolfare il sistema. Se Orvieto è simile a Sulmona (così ho inteso) e li “si va a braccetto fra residenti e commercianti perché si trova tutto” ci sarà un suo perché, se l’è chiesto? Io credo sia “anche” nei servizi offerti, evidentemente a Sulmona non è così!!! In sostanza sono sempre i soldi degli altri a dover intervenire… i soldi dello Stato preferibilmente … il pozzo di S. Patrizio!!! Nessuno dei commercianti suoi conoscenti ha la gallina dalle uova d’oro? Sono potenzialmente interessato ad un equo prezzo.

      • ZORRO A PRESTO TU HAI TEMPO DA PERDERE ….HAI LETTO LE PROPOSTE????E’ITALIANO……ESCI FATTI UN GIRO IN BICI PRENDI ARIA ALLE CERVELLE …..BUONA VITA……

        • Quali le proposte? Finanziamenti a pioggia per ristrutturare kmq e kmq di edifici? Casomai al 110% che sta pensando ora il govrno. La gente è interessata a leggere le analisi, le proposte di categoria e non le sue.
          Ma i suoi colleghi commercianti come pensa la stiano valutando con queste uscite ignoranti?
          A proposito di uscite, occhio che passo fra poco davanti la sede dell’associazione in Corso Ovidio 115 (credo sia giusto il numero), esca fuori dal buco e si rinfreschi le idee, che di cervello ne ha ben poco da ossigenare.

          • MARIOTTI | 7 Maggio 2020 at 18:08 |

            zorro io sto qua ……….non vieni???????????il mio e’un negozio se vuoi puoi andare da mio padre che e’presidente all ascom di sulmona via del cavallaro…..ma ora sono troppo curioso di vedere la reincarnazione di marconi-einstein-zichichi che faccia puo’ avere!!!!!!!!!!!ti aspetto non mi deludere …..

          • MARIOTTI | 7 Maggio 2020 at 18:34 |

            zorro io vado via e sono contento cosi non ti sei smentito e sei stato premiato come primo classificato “leone da tastiera “senza attributi del confronto verbale …….a presto zorro o forse e’meglio l’innominato…mi piace di piu …..

  3. È finita per il commercio lungo Corso Ovidio, un’agonia lenta e inesorabile.

  4. @ MARIOTTI | 7 Maggio 2020 at 6:08 pm & at 6:34 pm |
    Caro “figlio del presidente” , emulo per spavalderia al “figlio del capo” di nota compagnia telefonica d’oltralpe https://youtu.be/Ju1JB-Qd6ao , io sono passato stamattina e non l’ho trovata e non lo spiego, l’orario era quello che aveva postato in un precedente commento per incontri di ben altri livelli… non ricorda? E qui la cosa è grave, manca di affidabilità nel servizio alla clientela, se ne esce solo ora a giustificarsi? Prima che faceva? Suo padre andrà (anzi è) orgoglioso di un così siffatto figlio, la categoria non so quando possa rallegrarsi, ma certamente il figurone tanto famigliare quanto di e per la categoria è garantito, anche se sul passaggio dello scettro già sento mugugnare. Io non ho bisogno di alcun un premio di categoria professionale a me estranea, e dopo aver visto e constatato i danni che ha fatto sulla sua persona, non voglio avere i suoi stessi problemi di “potenza”, ma se vuole, il premio offerto, può metterlo far i suoi trofei. Ciao… Ciao… Ciao 😊

    • Sei solo un poveraccio sicuramente cornuto che si sfoga così mi dispiace per te prendi una pasticchetta se sei impotente e fatti vedere da uno bravo io ti aspetto apro alle nove e mezza cosi come scritto sul cartello ma forse non sai leggere ….e non parlare di me o della mia famiglia tossico fallito ……ti aspetto con ansia a braccia aperte caccia gli attributi che non hai perché ti nascondi …..non vedo l ora di sapere chi sei ….prima vai in farmacia …..

  5. Guardi che chi ha detto … “Mi piace di più”… HAI stato tu! La parentela l’ha introdotta lei nel suo sproloquio, io semplicemente la seguo. Chi offende HAI stato sempre tu!i Ma papà ancora nol’ha reguardito? Non da ordini in famiglia e in associazione e li vuole dare qui? Stai rilassato… Inspira… Espira… Inspira… E…sss.. continua tu 🙂

    • Non ti preoccupare manca pochissimo e saprò chi sei poi la tastiera te la faccio mangiare e farai tu ispira espira ispira espira ispira espira non vedo l’ora …..prendi il metadone è ora …..cosi non pensi alle corna a presto molto molto molto presto….

  6. A presto ……

  7. Claudianodurex | 8 Maggio 2020 at 16:53 | Rispondi

    Mariotti Imperatore dell’Universo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*