Annunziata ospedale Covid di fatto, la sindaca: “Interventi urgenti”

Che la situazione è al collasso, nonostante le rassicurazioni dell’assessore regionale Nicoletta Verì, lo ha dovuto ammettere anche il presidente Marco Marsilio che ha spiegato come ormai in Abruzzo ci sia carenza di posti letto per i ricoveri ordinari e che per far spazio ai malati Covid, bisognerà sacrificare le normali degenze negli ospedali.

Tra questi, tra i primi, c’è sicuramente l’Annunziata di Sulmona dove la situazione continua ad essere critica: da ieri, oltre ai pazienti Covid “parcheggiati” tra pre-triage e vecchio pronto soccorso, c’è anche un posto di terapia intensiva, tornata ad accogliere nella stanza a pressione negativa un paziente proveniente da Avezzano.

Per questo stamattina la sindaca Annamaria Casini è tornata a chiedere la convocazione del comitato ristretto dei sindaci e, soprattutto, azioni urgenti per coprire le carenze strutturali e di organico.

“La pressione sanitaria anche nel nostro ospedale, nonché nei servizi di prevenzione e distrettuali, è molta alta a causa di diversi operatori contagiati dal virus – scrive la Casini -. Ancora una volta il nostro ospedale ha fatto la sua parte e pur essendo di base e non-Covid, senza nemmeno il reparto di infettivologia, ospita un paziente grave da coronavirus nel posto letto a pressione negativa nel reparto di rianimazione. I tamponi scarseggiano e si registra un forte sovraccarico nei laboratori dove vengono processati i test che ritardano gli esiti. In questo momento così complesso la rapidità è fondamentale: urge intervenire. Abbiamo bisogno di infermieri e medici per gestire le aree critiche anche a Sulmona – continua -. Le misure straordinarie che ho chiesto più volte questa estate dovevano essere disposte da tempo ed ora la tempestività è assolutamente indispensabile. L’ urgenza assoluta è sicuramente oggi trovare una soluzione per i pazienti che stazionano nel pre-triage, dove non possono restare in una tale precarietà che mette a rischio la loro salute e quella degli operatori”.

Nel fine settimana sono stati oltre 40 i nuovi casi e gli attualmente positivi nel Centro Abruzzo hanno toccato quota 222, con una mappa del contagio che è ormai diffusa capillarmente su tutto il territorio e nei diversi ambienti di socialità e lavoro. In particolare ad oggi si contano 70 casi ancora positivi a Sulmona, 28 a Castel di Sangro, 24 a Villalago, 17 a Raiano, 12 a Pescasseroli, 10 a Pratola, 8 a Scanno e Pacentro, 7 a Civitella Alfedena, Vittorito e Pettorano, 5 a Villetta Barrea, 3 a Rivisondoli e Bugnara, 2 a Roccacasale, Prezza, Campo di Giove e Introdacqua, 1 a Barrea, Secinaro, Alfedena, Goriano e Anversa.

7 Commenti su "Annunziata ospedale Covid di fatto, la sindaca: “Interventi urgenti”"

  1. Ed i nostri consiglieri regionali di maggioranza e minoranza cosa fanno in Regione?
    I cittadini attendono fatti e non proclami!

  2. I ns. consiglieri sono molto impegnati a racimolare voti…. possono pensare anche all’ospedale di Sulmona poverini!!

  3. Casini, così va bene. Ma ti consiglierei di non parlare da sola. Su questo penso che potrebbe ritrovarsi una solidarietà territoriale forte. E anche la condivisione di consiglieri regionali e parlamentari del territorio che avrebbero peso di fronte ad una valutazione generale della gestione Covid in questa regione che,checché se ne dica, mostra i caratteri preoccupanti del fallimento.

  4. Regione?consiglieri? Emergenza? Ma de che..6 milioni per il Napoli calcio..altro che emergenza..passerelle, magnate..che stivene a pensa all’emergenza covid? Anzi se vi ricordate Sulmona era quasi da mettere in zona rossa..tant’è Che i bar dovevano chiudere alle 20 così i centri commerciali..adesso che tutta la regione è in emergenza specialmente Marsica e aquilanola regione che fa? Niente nessun provvedimento solo chiacchiere niente il nulla..cheste c’è meretemme ..

  5. La signora insieme a colui che muove i fili prima non ha mosso un dito quando ci hanno declassato anzi…..ora chiede il reparto Covid-19…non riesco a capirla che gioco vuole giocare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*