Aperitivo al bar, chiuso locale in via San Polo. Dodici avventori multati

Le segnalazioni erano state numerose nelle scorse settimane e già una volta il proprietario del bar era incappato in una contestazione; ieri però, come si suol dire, si è proprio esagerato: con almeno dodici persone a consumare fuori dal bar, sotto al gazebo, alcune addirittura sedute al tavolino. E così che la polizia ha chiuso un noto bar in via San Polo a Sulmona, imponendogli la chiusura per almeno cinque giorni (sarà il prefetto a decidere se prolungare il periodo di chiusura) e multando i dodici avventori che avevano deciso, in barba alle restrizioni anti Covid, di consumare l’aperitivo fuori dal locale facendo di fatto assembramento. Per loro una multa di 400 euro ciascuno: un brindisi che si ricorderanno a lungo a chiusura di questo 2020.

Un freno, d’altronde, è necessario, soprattutto in vista delle giornate di domani e dopodomani, quando si tronerà in zona rossa a festeggiare l’anno nuovo: le segnalazioni di violazioni costanti e continuate da parte di bar e avventori sono infatti numerose, non solo a Sulmona, ma anche a Pratola e negli altri paesi del circondario.

Questa mattina, intanto, si è tenuto il processo per direttissima nei confronti del rumeno che aveva violato la misura degli arresti domiciliari per recarsi a fare un aperitivo al bar. Il giudice ha convalidato l’arresto, ma non ha accolto la richiesta della procura di custodia cautelare in carcere. Per questo il 35enne torna ai domiciliari, in attesa del nuovo anno, e dell’udienza per direttissima che è stata fissata al 14 gennaio prossimo.

17 Commenti su "Aperitivo al bar, chiuso locale in via San Polo. Dodici avventori multati"

  1. Ricorso al Sig..Prefetto per illogicità e disparità di trattamento in riferimentento ai fatti occorsi a Napoli in occasione del saluto a Maradona allorquando migliaia di persone si sono radunate e gli ha contestato un emerito cazzo

    • Scriva lei al prefetto di Napoli. Qui stiamo in provincia AQ. Io mi sono rotto gli zebedei a stare a casa perché ci sono idioti che non rispettano i dpcm. Fatevi un giro per sulmona, ne è pieno di bar dove la gente fa quello chi gli pare.

  2. Sintaess tu al posto del cervello hai segatura. Già con gli assembramenti di Pratola hai commentato dicendo cazzate.

  3. A ek nn c sta na lir

  4. Ben fatto! adesso vediamo se hanno voglia di continuare a mettere a rischio la salute degli altri esclusivamente per i loro affari! Ci ricorderemo di questi locali, anche dopo la pandemia

    • The new lockdown | 30 Dicembre 2020 at 17:45 | Rispondi

      Tanto la gente non ha capito un kaiser, fatevi un giro nei grossi supermercati di sulmona, troverete gruppi di giovani che riempiono carrelli di birra vino e cibo. Di sicuro non è la lista della spesa di mamma. San Silvestro si avvicina.

  5. Appunto….. la legge andrebbe fatta rispettare sempre e soprattutto chi scrive le leggi dovrebbe farlo con intelligenza. Solo allora il sistema è credibile.

    Io ho la segatura in testa ma non mi faccio le seghe mentali

  6. Può anche darsi Che riempiono il carrello ma quei cazzoni dei genitori dove stanno? Comunque come vedo ragazzi sotto il mio condominio in un certo numero chiamo la Polizia

  7. Sintaess hai detto un’altra stronzata. Imparate a rispettare le regole. Non perché in un luogo non multano tu puoi fare quello che vuoi. Poi cosa significa fare le leggi con intelligenza? Che puoi riunirti in un bar in 5,in 10? Andiamo tutti a fare il cenone? Sei uno di quelli che dice di comportarsi correttamente? Mantenere correttamente la mascherina è praticamente impossibile perciò meglio evitare assembramenti.

  8. Forte il passo | 30 Dicembre 2020 at 21:42 | Rispondi

    Chi fa la spia non è figlio di Maria… Suonava una filastrocca

  9. Ma diventi figlio della terapia intensiva..

  10. Micio sotto il sole | 30 Dicembre 2020 at 23:14 | Rispondi

    Fate i controlli ce ne sono altri.

  11. Sapete cosa significa perdere un papà per covid? Lasciarlo in ospedale e non vederlo più…. i giorni trascorrono e pensi quali siano stati i suoi ultimi pensieri il suo ultimo sguardo chi lo ha accolto….. E lei pensa alle lire che si debbano guadagnare con un aperitivo in questo momento che non gira moneta? E chi torna a casa potrebbe a sua volta contagiare se i ragazziorganizzano il capodanno e perche hanno suddetti genitori sapienti di tale insegnamento

  12. È terribile questo momento storico, mantenere una attività è difficile ma la vita, la tutela alla vita,merita unicità. ‘Rispetto’ una parola che nei suoi contenuti si sta estinguendo avete rispetto e senso civico faremo sicuramente la differenza….. In positivo

  13. SERGIO SANTILLI | 31 Dicembre 2020 at 08:58 | Rispondi

    Caro Pat, il mondo è pieno di idioti e cercare di fargli capire qualcosa è come pestare l’acqua nel mortaio. E non ci saranno mai argomenti anche del tutto ragionevoli per persuaderli.La loro testardaggine è peggio di quella di un mulo quando si impunta e non vuole più procedere.Eppure in democrazia, si dice, anche i fessi hanno il diritto di esserci e rimanere tali. Questo è un virus killer raffinato. Esso sceglie le proprie vittime e le porta inesorabilmente alla fossa, come ha fatto con il mio amato fratello, tra l’altro pediatra stimato. Il virus lo ha preso e se l’è portato alla fossa. Strano, esso virus risparmia tanti fessi che poi agitano le acque. Come coloro che si ostinano a dir male dei vaccini, come fa quel tal medico paranoico che diffonde messaggi deliranti su facebook e fa anche proseliti tra i tanti fessoni. A parte tutto, io mi chiedo quale farmaco non ha effetti collaterali. Prendete il bugiardino(il foglietto che accompagna il farmaco) di una qualsiasi medicina e leggetene il contenuto. Un foglietto lungo un metro, dove è scritto una serie di effetti collaterali, anche gravi.Eppure nessuno ha da ridìre. Io in pronto soccorso da giovane, ho curato in emergenza persone che prendevano farmaci contro la pressione alta, con lingua gonfia ed edema della glottide. Non respiravano più. Salvati per il rotto della cuffia. Eppure quelle medicine vanno forti. Che dire dell’aspirina, della penicellina, dei tanti antibiotici in fiale. Tutti con i loro affetti collaterali di una certa gravità che potrebbero accadere, che facciamo, li ritiriamo dal mercato? E che dire dei farmaci anti tumorali? I loro effetti collaterali sono tanti e tali, da sconsigliarne l’uso immediatamente. Eppure tante persone con il loro uso, hanno allungato la loro sopravvivenza ed il loro soffrire etc.etc. Ed allora io mi chiedo; perché tanti colleghi se la prendono solo con il vaccino anticovid, di cui abbiamo estremo bisogna,per rigettare all’inferno il demonio Coronavirus? Solo perché c’è stato un solo caso di malessere, il nostro vaccino Astra Zeneca ha subito ritardi gravosi, da parte dei parrucconi a capo delle agenzie. E non è finita per quel vaccino, tra l’altro per me il più efficace e maneggevole. Chi sta guidando il torrone in questa tragedia con torbide manovre? Questo è il rebus, altro che vaccino che fa male e non fa male, a detta dei tanti venditori di pere cotte, fradicie. Pensateci bene,perché se non facciamo le persone serie, avremo ancora tanti lutti e ci sarà anche la miseria nera. Questa non è una “pazziarella” con la pazza gioia ad ogni costo.

  14. Capisco che serva lo scoop, ma in questo caso non c’ erano tavolini a cui sedersi, così come non c’era nulla di diverso rispetto agli altri bar di Sulmona. Sarebbe sensato decidere di chiudere tutto aiutando le piccole imprese piuttosto che andare a tutti i costi a caccia di streghe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*