Attivazioni Usca, la Nursind: “Infermieri, oss e autisti non sono interscambiali”

Sull’attivazione delle Usca a servizio dei contagiati da Covid direttamente a domicilio, interviene la segreteria regionale Nursind diffidando la Giunta regionale abruzzese proprio sull’ordinanza 11 del 20 marzo scorso, in particolare dove si dispone che la Asl debba fornire alle Usca un’auto aziendale e, ove possibile, un collaboratore: infermiere/oss/autista dando il via al reclutamento prevedendo una retribuzione congrua per le tre figure professionali (rispettivamente 30€/h, 20€/h e 18/) e un’ assicurazione per gli infortuni derivanti dall’incarico assegnato e disponibili ad un incontro, con le modalità consentite, per approfondire tutte le tematiche inerenti all’emergenza COVID-19.

Il sindacato interviene sulla definizione del personale infermieristico come “collaboratore del medico”, “dotazione'”, mentre da disposizione normativa svolge con autonomia professionale “attività dirette alla prevenzione, alla cura e salvaguardia della salute individuale e collettiva” (L. 251/2000 art. 1), espletando la funzione di “responsabile dell’assistenza” (DM 739/1994).

La Nursind sottolinea, quindi, che infermiere, Oss, autista hanno competenze diverse per nulla interscambiabili tra loro.

Commenta per primo! "Attivazioni Usca, la Nursind: “Infermieri, oss e autisti non sono interscambiali”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*