Bimillenario, nuovo bando per gli studenti. La Casini chiede un’altra proroga

Meglio tardi che mai, anche se il tardi potrebbe non essere sufficiente, visto che è la stessa sindaca di Sulmona, Annamaria Casini, a parlare della necessità di “promuovere una ulteriore proroga al fine di consentire la piena attuazione degli stessi”. Lì dove “gli stessi” sono i danari, quelli che da 700mila sono diventati 350mila euro: i fondi della legge per il Bimillenario di Ovidio che, a quasi quattro anni di distanza dalle celebrazioni, non si vedono e non si sentono. Fatto è che, come avevamo anticipato al Germe, ieri è stato riaperto il bando per partecipare alla selezione del “Comitato dei cinquanta”, tanti sono infatti gli studenti che dovrebbero andare a completare il Comitato promotore che poi dovrà selezionare i progetti e decidere quali finanziare. Il tutto, scontrino di spesa alla mano, entro il 31 dicembre prossimo. Una scadenza che sarà difficilissimo, a dire il vero impossibile, rispettare, anche se l’accelerata, data a più di un anno di distanza dal primo bando andato semideserto (a giugno 2019), prevede che le candidature dovranno essere presentate entro il 15 ottobre. Il bando è articolato in due sezioni e si rivolge sia agli studenti della scuola secondaria di secondo grado (sezione A) sia a quelli delle università e delle istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica AFAM (sezione B), purché di età inferiore ai 25 anni.

“E’ un bando nazionale, ma i nostri ragazzi devono avere l’opportunità di conoscere l’avviso in tempo utile e partecipare alla selezione – commenta la sindaca Casini -. E’ per questo che oggi stesso ho contattato i dirigenti dei Poli d’istruzione superiore della Valle Peligna e dell’Alto Sangro, pregandoli di diffondere l’avviso con tempestività tra gli studenti dei rispettivi istituti, ed in particolare a quelli che studiano il latino, affinché possano partecipare alla selezione nazionale i cui termini scadono il prossimo 15 ottobre. E’ una occasione di grande prestigio e onore, soprattutto per i figli della terra che diede i natali a Publio Ovidio Nasone, poter partecipare a tale selezione e sicuramente poter far valere la grande sensibilità che gli studenti del Centro Abruzzo hanno maturato nella conoscenza della figura di Ovidio, in particolare negli ultimi anni in cui Sulmona e l’intero territorio hanno realizzato numerose manifestazioni e progetti culturali per celebrare il  nostro sommo poeta”.

1 Commento su "Bimillenario, nuovo bando per gli studenti. La Casini chiede un’altra proroga"

  1. E. 750000 – 350000 = 350000 tra poco sottraggono altri 350000 = 0 = un pugno di mosche non nere ma bianche come da tradizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*