Bombole d’ossigeno risicate. L’invito dei farmacisti all’utilizzo consapevole

Con il diffondersi dell’epidemia Covid nelle farmacie è aumentata di molto anche la richiesta di bombole di ossigeno. Le bombole in questione dal 2017 sono di proprietà dei fornitori che le concedono alle farmacie e quindi ai pazienti in comodato d’uso. È importante però che ci sia una corretta rotazione delle bombole per permetterne il rifornimento ciclico. I farmacisti lanciano per questo motivo un appello a riconsegnarle appena terminata l’urgenza e concluso l’utilizzo delle bombole. Come spiega Luca Simoncelli dell’omonima farmacia di piazza Capograssi a Sulmona: “C’è una grossa difficoltà a poter ottenere bombole cariche. Dobbiamo sensibilizzare le persone su questa delicata situazione che viviamo. L’invito è a non trattenere le bombole di ossigeno oltre il tempo necessario per garantire la giusta rotazione di questo importante strumento che può valere la vita delle persone”.

Commenta per primo! "Bombole d’ossigeno risicate. L’invito dei farmacisti all’utilizzo consapevole"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*