Buoni spesa: ecco chi ne usufruirà

Per il momento è stata approvata la delibera, ma per il bando vero e proprio bisognerà aspettare la prossima settimana, nella speranza che tra burocrazia e graduatorie un “piatto caldo” arrivi entro Natale sulla tavola delle famiglie più bisognose.

La giunta comunale di Sulmona ha stabilito per il momento i criteri per l’assegnazione dei buoni spesa che il governo ha trasferito per la seconda volta, dopo il lockdown di primavera, ai Comuni in base alla popolazione residente. La cifra per Sulmona, anche questa volta, è di circa 150mila euro: un contributo una tantum che intende aiutare chi a novembre, a causa delle chiusure imposte dalle restrizioni, ha accusato maggiormente il colpo.

Probabilmente non saranno gli stessi dell’altra volta, perché per loro sarà redatta un’apposita graduatoria e i buoni spesa saranno finanziati solo nel caso avanzino i soldi in cassa.

Per accedere al contributo sarà necessario non essere percettore già di sostegni pubblici (reddito di cittadinanza, pensioni, ecc) e bisognerà autocertificare che nel corso di novembre il proprio incasso non abbia superato 500 euro (se si è da soli), 700 (in due), 900 (in tre), 1000 (in quattro) e 1100 (più di 4). Non solo: bisognerà anche non avere sul proprio conto più di 2500 euro (da soli), 3000 (per due persone), 4500 (per tre-quattro persone) o 6000 se in casa si è più di cinque.

Tutto per ottenere buoni spesa che vanno da 150 a 750 euro, con una variazione cioè di 150 euro per ogni componente familiare.

Non è specificato, al momento, se la gestione dei buoni spesa sarà affidata anche questa volta ad una società esterna.

Commenta per primo! "Buoni spesa: ecco chi ne usufruirà"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*