Campeggio No Hub, si aprono i tavoli. La pioggia non ferma gli attivisti

Non basta la pioggia a fermare gli attivisti No Hub del Gas e i loro compagni impegnati nella lotta ambientalista in diverse regioni d’Italia. Oggi il secondo campeggio a Campo Di Giove è entrato nel vivo con le assemblee che hanno riunito diverse associazioni, movimenti e collettivi. Tra loro il movimento No Tap, i veneti contro il Mose, I Discoli del Sinarca dal Molise, ed ancora esponenti dall’Umbria, il Lazio.

Tutti movimenti divisi in due diverse assemblee, una dedicata alla Rete Adriatica, l’altra all’Appennino. I punti toccati sono le tematiche affrontate da ogni singolo gruppo cercando di trovare una quadra nazionale per portare all’attenzione del governo le problematiche ambientali. D’altronde le stime sono chiare: o si cambia direzione o la Terra inizierà a rivoltarsi, un assaggio lo sta già dando, non c’è molto tempo, solo poco più di una decina d’anni per non raggiungere l’ormai noto “punto di rottura”.

Partendo dalle esperienze riportate, dalle diverse forme di “resistenza” ambientale, sono state buttate giù alcune idee per passare quanto prima alla fase dell’azione unitaria, comune a tutte le realtà. Domani le decisioni saranno messe al voto e rese pubbliche.

La sensibilizzazione assume diverse forme in quel del campeggio No Hub. Assume le forme della narrativa attraverso la presentazione del libro “Appennino atto d’amore” di Paolo Piacentini; il documentario “Le terre di tutti” a cura di Ferdinando Amato e Brigate di Solidarietà Attiva; la musica particolare dei Fuoco Blu.

Domani gli attivisti si sposteranno, durante la mattinata, sui territori di Case Pente per un sit in di “presenza”, per dare voce all’alternativa possibile alla centrale di compressione a spinta Snam le cui procedure continuano ad andare avanti, in attesa che vengano presentati ulteriori ricorsi al Consiglio di Stato contro le bocciature incassate dal Tar del Lazio.

Il cambiamento inizia dal basso, tra i monti, in un piccolo borgo dell’entroterra abruzzese.

Commenta per primo! "Campeggio No Hub, si aprono i tavoli. La pioggia non ferma gli attivisti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*