Carcere di Sulmona: fine pena

Docce e acqua calda nelle celle dei detenuti, chiusura e ristrutturazione dei reparti “verde” e “blu”, nuovi agenti e spostamento dei collaboratori di giustizia: sono buone notizie quelle che annuncia la Uil penitenziari per il carcere di Sulmona. Indiscrezioni, solo indiscrezioni, per il momento, ma che se saranno confermate saranno destinate a migliorare le condizioni di lavoro e di permanenza nella struttura di via Lamaccio, tanto per chi vi lavora che per chi vi è detenuto.

“Certo il disagio legato agli organici è reale e foriero di forti malumori. Tuttavia stante le dinamiche amministrative che si stanno predisponendo e che la Uil ha concorso in maniera determinante a far si che si implementassero – scrive il sindacalista Mauro Nardella – potremmo dire che con 10 agenti in più, con la chiusura temporanea dei due reparti non più regolamentari e  la promessa, una volta ultimati i lavori di riattazione dei vecchi padiglioni, dell’invio di ulteriori 40 unità di polizia in più  per l’apertura del nuovo padiglione, il futuro del carcere di Sulmona potrebbe non essere più così nero come lo sarebbe qualora non si desse seguito a tutto ciò”.

3 Commenti su "Carcere di Sulmona: fine pena"

  1. Dei permessi per le elezioni? Cosa ne pensiamo?

  2. 45 giorni di ferie per sistemare i propri affari personali.Vergogna Italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*