Carceri: Sulmona il più infetto in Italia

Ci sarebbe il carcere di Sulmona in cima alla classifica delle strutture penitenziarie con più positivi in Italia. E’ quanto si sostiene in un articolo pubblicato ieri dal Sole 24 Ore, il quale riporta a sua volta i dati ufficiali forniti dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. Secondo questi dati la struttura di via Lamaccio sarebbe ad oggi la più infettata con 52 casi, seguita dal carcere di Venezia con 46, Regina Coeli con 35 e Lanciano con 29. Numeri comunque dimezzati rispetto ad un mese fa, quando si raggiunse il picco dei contagi dietro le sbarre con Sulmona che ne contò oltre 90. Attualmente (dati aggiornati all’8 gennaio) secondo il Dap i detenuti positivi in Italia sarebbero 537, la metà di quelli rilevati il 13 dicembre quando ne erano 1088.

I dati, tuttavia, spiegano dal carcere di Sulmona, non sono esattamente quelli forniti dal Dap e dal Sole 24 Ore, perché comprendono anche i casi dubbi e comunque non corrispondono con esattezza alla situazione attuale. In particolare non sono 52 ma 50 i detenuti sotto controllo, ma di questi “solo” 29 sono positivi accertati, mentre gli altri sono casi dubbi.

Gli ultimi tamponi eseguiti risalgono al primo gennaio ed è possibile quindi che nel frattempo una parte, si spera consistente, dei positivi abbia negativizzato il virus. Se ne saprà di più nei prossimi giorni: domani, infatti, gli ospiti di via Lamaccio saranno nuovamente sottoposti a tampone e si vedrà chi di loro ha ancora il virus.

Tutti i detenuti sono comunque asintomatici e nessuno è ricoverato in ospedale.

3 Commenti su "Carceri: Sulmona il più infetto in Italia"

  1. Ecco a Sulmona questo record gli mancava .Il carcere a Sulmona deve essere tolto, chiaramente lasciandolo dove si trova .Dovunque giri,specie al Sud, (e specie dal tempo dei suicidi) non appena affermi di essere di Sulmona ti rendi conto della nomea che ci si è costruita. Sulmona? Maronn! Il supercarcere di Sulmona!Maronn Addelurat!! e così via, rappresentando nell’immaginario collettivo un luogo di espiazione e di pena come Sing Sing o la Cayenne quando diversamente Sulmona è sempre stato nella cultura popolare il luogo dei confetti,delle spose,etc e del turismo connesso ,(non cito Ovidio che, specie a Sulmona non lo conosce nessuno).Quello che si dovrebbe fare, è creare il comune di Bagnaturo con il carcere dentro il suo tenimento, così all’estero diventa il supercarcere di Bagnaturo, che suona anche meglio anche se è un nome meno storico,e Sulmoma riprende il suo ruolo tradizionale anche se uno delle più sostanziose voci di apporto alla economia cittadina è ,il supercarcere.

  2. Poliziotti penitenziari eroi silenziosi

  3. Paola finiamola con questa storia di eroi silenziosi….ci sono tanti altri mestieri dove per poche centinaia di Euro al mese bisogna essere veramente degli eroi….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*