Castelvecchio, Bianchi minacciato rinuncia alla candidatura. Solidarietà di Ciacchi

Ferma la sua candidatura a sindaco Fidio Bianchi, storico esponente della destra subequana, che avrebbe ricevuto alcune minacce. L’attuale consigliere di Castelvecchio, rinuncia alla corsa a primo cittadino. Una indisponibilità sottolinea “mio malgrado” ma specifica “non è per paura né in segno di resa perché se non ho cambiato opinione per mezzo secolo, quando militare nel MSI era molto pericoloso, figuriamoci se lo faccio ora”. Ma Bianchi ricorda che la politica è un servizio ai cittadini e che l’avversario non deve mai visto come un nemico da abbattere. “Non amo la politica cattiva. Grazie a qualcuno o ad alcuni che certamente non meritano di essere amministrati da me, a costo zero, senza indennità ma con al primo punto la morale, che hanno voluto giocare sporco”.

In queste ore arriva la solidarietà e una ferma condanna, per i fatti di Castelvecchio Subequo, da parte di Sandro Ciacchi coordinatore territoriale di Fratelli d’Italia, “faccio un appello affinché i responsabili delle minacce capiscano la gravità del loro atteggiamento”. Ciacchi esorta Bianchi a continuare la sua attività politica e rimarca “le persone e i politici, per potersi esprimere, devono essere liberi da minacce e non possono essere oggetto di atteggiamenti aggressivi soprattutto se questi riguardano i famigliari degli stessi. “Conosco Fidio Bianchi da anni, una persona onesta, schietta, con la schiena dritta e abituato al confronto anche duro, ma sempre rispettoso delle regole democratiche. Per questo gli autori delle minacce dovrebbero capire che in questo modo, non solo si condanna una persona a non potersi esprimere liberamente, ma cosa ancor più grave, si priva della possibilità di espressione altri residenti che magari in Fidio Bianchi vedevano una possibile alternativa democratica”. Il coordinatore territoriale di Fratelli d’Italia si rivolge agli autori delle minacce “mettere in atto comportamenti riparatori e a riflettere sul grave danno che gli stessi hanno arrecato anche all’immagine del comune della Valle Subequana che non merita di essere infangato dall’atteggiamento sconsiderato di qualcuno. Confido, inoltre, sull’operato delle forze dell’ordine affinché facciano luce sulla vicenda”.

2 Commenti su "Castelvecchio, Bianchi minacciato rinuncia alla candidatura. Solidarietà di Ciacchi"

  1. Si sta discutendo da tempo di non far votare più nei comuni minuscoli, ove aspirano indefessamente alle cariche autoritarie i più tenaci ed indomiti individui, insormontabili nelle loro convinzioni. Queste tristi ed inosservate forme di accattonaggio di pochi soldi di sussidio ,sono contrarie all’ordine pubblico politico.Cio’ perché questi ridotti enti di poche anime CONTRASTANO IL GIUSTO FUNZIONAMENTO DELLO STATO E LE LIBERTÀ FONDAMENTALI DEI CITTADINI….

  2. Non comment c’e’ poco da commentare….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*