Centro di raccolta e riuso, si va a gara per Santa Rufina

La determina dirigenziale, a firma dell’ingegner Franco Raulli, è stata pubblicata in mattinata. Il Centro di raccolta e riuso in località Santa Rufina presto verrà realizzato, visto il semaforo verde accesosi oggi per procedere al bando di gara. L’opera è prevista nel piano triennale delle opere pubbliche 2022-2024, per l’annualità corrente.

Il centro sarà una sorta di avamposto necessario per la selezione dei rifiuti. Il Progetto prevede l’utilizzo di un locale in cui saranno allestite una serie di zone di ricevimento, ammassamento, catalogazione, oltre a ulteriori aree di immagazzinamento ed esposizione. L’obiettivo è quello di favorire un conferimento mirato dei beni per un’adeguata e distinta gestione degli stessi, al fine quindi di un effettivo riutilizzo; prevenire e ridurre la quantità di rifiuti urbani; arrivare infine ad una diminuzione del costo complessivo del servizio di gestione integrata degli stessi.

L’appalto ha un valore complessivo di circa 321mila euro, di cui 302mila per lavori comprensivi; 49mila per il costo della manodopera e oltre 9mila euro per oneri della sicurezza. A ciò si aggiungono 116mila euro per somme a disposizione dell’Amministrazione che provengono, in parte, da fondi europei elargiti nel 2020 dalla Regione Abruzzo su proposta dell’allora assessore all’ambiente Nicola Campitelli.

Commenta per primo! "Centro di raccolta e riuso, si va a gara per Santa Rufina"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*