Centro storico, proroga per auto e tavolini

Arriva la doppia proroga per auto e tavolini nel centro storico di Sulmona: una contraddizione in termini in tempo di Covid che ha fatto saltare finora tutti i piani dell’amministrazione comunale sul nuovo assetto del centro storico. Da quando è finita la sperimentazione dell’Apu ad ottobre, infatti, Sulmona non ha mai applicato finora gli orari previsti dalla delibera di giunta che ridisegna la viabilità e gli accessi nella città antica. Neanche sotto Natale, quando nel giro di ventiquattro ore l’amministrazione ha cambiato idea sulla pedonalizzazione.

Così da oggi e fino al 31 gennaio è stato prorogato il vecchio orario della zona a traffico limitato, con la conseguente sospensione dell’area pedonale urbana, per cui sarà possibile accedere con le auto in centro dalle 20 alle 10,30 e dalle 13,30 alle 17,30 per tutta la settimana e anche lungo corso Ovidio.

Contestualmente ieri la giunta ha approvato la proroga fino al 31 marzo per l’uso gratuito del suolo pubblico (in tutta la città) per le imprese di pubblico esercizio, bar, ristoranti e pizzerie, al fine di consentire l’uso di tavolini all’aperto e dehors. Per tutti coloro che sono già in possesso delle autorizzazioni, con scadenza al 31 ottobre 2020 e rinnovate al 31 dicembre 2020, la proroga è automatica al 31 marzo 2021, senza dover presentare ulteriori istanze. Coloro che volessero apportare modifiche, rispetto alla precedente occupazione, dovranno comunicarlo al competente ufficio comunale del 4° Settore, allegando la planimetria e indicando le modifiche relativamente alla superficie pubblica o di uso pubblico occupata con i dehors e/o con tavoli e sedie. 

7 Commenti su "Centro storico, proroga per auto e tavolini"

  1. Questi gli atti del Comune per la chiusura alle vetture del C.S.

  2. Pura follia…. Come al solito figli e figliocci… Il bar europa può mettere i tavoli di Marzio no… Incredibile

    • Ruggieri Francesco Paolo | 13 Gennaio 2021 at 16:51 | Rispondi

      A chiunque sia l’ignoto Giuseppe. Il porticato di via De Nino, angolo Corso Ovidio non e’ di proprieta’ del Comune, che ne ha solo il diritto di passaggio come da convenzione risalente agli anni 50. La stessa convenzione prevede che tutto il porticato antistante il bar e’ nell’utilizzo esclusivo del Caffe’ Europa. Tanto per……..

      • caro franco ruggeri, possiamo dire al gran caffè si da la possibilità di mettere i tavoli a di marzio no….. è la stessa cosa …. figlio e figliocci… se i portici sono privati, perchè il cogesa passa a pulirli a spese di tutti……

  3. Tanto per……..
    Nulla togliendo alla validità della convenzione, la stessa tipologia di diritto è esteso anche agli altri esercizi che si affacciano sul porticato?

  4. Ruggieri Francesco Paolo | 17 Gennaio 2021 at 22:04 | Rispondi

    Certo, ma chiunque occupi spazi nel porticato e’ tenuto al pagamento della TOSAP, della TARSU e qualsiasi altra tassazione comunale.

    • Si ma non rispondi al fatto che di Marzio con il traffico aperto non può cacciare i tavoli????? Tu puoi guadagnare gli altri no?????Incredibile….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*