Cogesa, altolà del centrodestra: “Nessun accordo con i gerosolimiani”

Lo aveva detto in via informale, ma dopo la conferenza stampa di oggi dell’amministratore unico di Cogesa Vincenzo Margiotta, “una non certo casuale coincidenza con la convocazione del controllo analogo”, il centrodestra lo mette nero su bianco: nessuna possibilità di accordo, nessuna ipotesi di “assoluzione” gestionale, né per lui, né per i gerosolimiani.
Il consiglio di amministrazione a tre o cinque che sia, insomma, per Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, non si deve e non si può fare, che lo voglia Biondi o chi per lui: “Chi si accontenta di qualche strapuntino e della promessa di assunzione di qualche parente o affine, si rende complice politico di questa sconcertante operazione, ma al contempo assume sulle sue spalle i non lievi oneri che la disastrosa gestione di Vincenzo Margiotta lascia in eredità – scrive il centrodestra -. Bilanci traballanti, sequestri di impianti, indagini della Procura della Repubblica. E’ evidente che le forze politiche sane di Sulmona che si oppongono a questa gestione, i cui cattivi risultati ricadono soprattutto sul questo Comune che ne ospita gli impianti, non faranno sconti a nessuno, perché chi comparteciperà a questa operazione potrà essere chiamato a rispondere in tutte le sedi, anche per i danni erariali prodotti”.


Una situazione, quella del Cogesa, che secondo i coordinatori dei tre partiti, fa il paio con quella che sta vivendo il Comune di Sulmona: “Grazie al sindaco anche esso voluto dall’ex assessore, la città di Sulmona è precipitata e giornalmente si aggrava, priva di progetti e idee di sviluppo e di una credibile guida. La soluzione unica è che questa area politica, che all’ex assessore fa riferimento, e che dietro un finto civismo ha curato esclusivamente la spartizione di posti di potere e clientelismo spinto, si faccia da parte”.
Mettono sull’altolà poi le affermazioni di Margiotta sulla necessità di assumere al Cogesa un dirigente e un direttore generale: “Non deve essere il preludio alla sua nomina in tale ruolo – conclude il centrodestra -. Chi ha fatto disastri quale amministratore, tanto da non avere a tutt’oggi le carte apposto nemmeno per l’approvazione del bilancio, non può ambire ad incarichi gestionali”.

4 Commenti su "Cogesa, altolà del centrodestra: “Nessun accordo con i gerosolimiani”"

  1. se l’ unico antidoto contro i gerosolimiani si chiama Destra ….allora votiamo tutti a destra ! basta che ci levate sto gruppo di compari dai piedi !

  2. Sì ma i gerosolimiani non sono colpevoli della estrema povertà della provincia aquilana. Gerosolimo con la sua politica ereditaria esiste perché le persone di queste aree arretrate sono molto povere e sogette al servilismo, quindi vanno a chiedere la raccomandazione di un agognato posto fisso da umile operaio di basso stipendio,barattandosi la dignità da cittadino ed i diritti elettorali suoi e della famiglia ,quando invece in nord Italia o meglio in Germania, gli operatori ecologici sono tutti immigrati africani prendono uno stipendio doppio del Cogesa ed entrano al lavoro in un giorno a semplice domanda. Diamo e Cesare ciò che è di Cesare.

    • Non si fa che dire Italia agli italiani inoltre vado spesso in germania e ti assicuro che conta il merito bianco o nero che sia i tedeschi questo lavoro lo vedono diversamente

  3. You tube agorà estate 30/08/2019
    VENEZIA OPERATORE ECOLOGICO CERCASI!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*