Cogesa, Tirabassi: “Amministrazione assente. Serve chiarezza sulla governance”

Non tende a quietarsi la tempesta che ha travolto il Cogesa dopo che la Corte dei Conti ha ritenuto del tutto immotivata la nomina di un Consiglio d’amministrazione. A tornare sulla vicenda è il Consigliere comunale Mauro Tirabassi, Capogruppo di Fratelli d’Italia Sulmona. Un attacco frontale all’amministrazione Casini, alla quale recrimina il fatto di aver mancato l’appuntamento per un consiglio comunale, programmato il 10 agosto 2020, per discutere della governance e dei conti del Cogesa. Tirabassi ora chiede la convocazione consiglio comunale, con la massima urgenza, per discutere della situazione del Cogesa. La richiesta, come riporta il comunicato del Capogruppo FdI, è già stata inoltrata al Presidente del Consiglio Comunale.

“Come ricordate bene tutti – scrive nella nota Tirabassi – in quel consiglio il Sindaco e la sua maggioranza non si presentarono e non fu possibile celebrarlo per assenza del numero legale. Un atteggiamento, quello della Casini, non nuovo che calpestava ancora una volta le prerogative dell’organo consiliare in ordine alle funzioni di indirizzo e controllo anche sulle società partecipate. Proprio per questo motivo fummo costretti, il sottoscritto e gli altri colleghi dell’opposizione consiliare, a sottoscrivere una formale diffida al sindaco che inviammo anche alla Procura della Repubblica, all’Anac, alla Corte dei Conti e a i Revisori dei Conti del Comune. Diffidammo il sindaco dall’adottare, in sede di Comitato di controllo analogo e in sede di assemblea dei soci di Cogesa, qualsiasi decisione in ordine agli indirizzi strategici e agli assetti di governance della società in assenza di un passaggio consiliare”.

Continua a regnare il silenzio, invece, dalla sede del Cogesa. Nessuno, infatti, si è esposto dopo il richiamo della Corte dei Conti. Né dalla maggioranza, né dai soci. Bocche cucite su ciò che sta accadendo all’interno di una società pubblica con affidamento di servizi in house, e spese sostenute dai contribuenti. Una situazione surreale, poiché i cittadini vorrebbero avere un quadro chiaro anche delle spese, visto che sono i primi a sostenere i tasca propria la società. “Il pronunciamento della Corte dei Conti del 5 maggio scorso – prosegue Tirabassi – non solo censura l’allargamento del consiglio di amministrazione a tre membri ma evidenzia anche che società che svolgono la stessa tipologia di attività pur avendo un fatturato maggiore hanno un solo amministratore e un minor numero di dipendenti. A questo si aggiunge il fatto che nell’ultimo consiglio comunale ho chiesto al sindaco chiarimenti in ordine alla sussistenza in bilancio di crediti del Comune di Sulmona verso Cogesa per circa un milione di euro. Trattasi di soldi già inseriti nei precedenti bilanci e quindi già spesi dal Comune ma ad oggi non ancora sostanzialmente riscossi. Anche su questo il sindaco, come sempre impreparato, non ha saputo fornire risposta alcuna. In ultimo vorrei ricordare quanto ebbe a rispondermi l’allora assessore Mariani, nell’agosto scorso, in ordine alla sussistenza di un decreto ingiuntivo di 530 mila euro spiccato nei confronti di Cogesa da un suo fornitore per mancati pagamenti. Un quadro non rassicurante che lascia pensare a una possibile crisi di liquidità della società partecipata Cogesa”.

2 Commenti su "Cogesa, Tirabassi: “Amministrazione assente. Serve chiarezza sulla governance”"

  1. Buon compleanno | 10 Maggio 2021 at 17:19 | Rispondi

    Centro di raccolta di sulmona ancora chiuso? Festeggiamo 1 anno con una bella torta?

  2. Meglio tardi che mai | 10 Maggio 2021 at 19:42 | Rispondi

    Finalmente l’opposizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*