Consorzi bonifica, commissari fino al 2022. Si potrà tornare ad assumere

Con l’approvazione degli emendamenti alla Legge Regionale 141/2020, la Regione Abruzzo ha  individuato il termine ultimo per il commissariamento dei consorzi di bonifica al 1 marzo 2022. Fino a quella data a guidare gli enti saranno i vari commissari territoriali e nel caso del bacino Aterno-Sagittario sarà la nominata commissaria Adelina Pietroleonardo. La tecnica è stata chiamata a presiedere l’ente dopo la rinuncia del commissario precedente Iovenitti, che era stato scelto in seguito alla riforma approvata a novembre 2019 dal Consiglio regionale, che aveva previsto il commissariamento dei Consorzi abruzzesi con l’obiettivo di fondare la loro gestione amministrativa sui criteri di efficienza, efficacia, economicità, trasparenza ed equilibrio di bilancio.

Le nuove elezioni per individuare Presidente e consiglieri si terranno quindi entro il marzo del 2022. L’emendamento prevede inoltre la possibilità di “provvedere all’efficientamento, al potenziamento ed alla formazione delle risorse umane” che tradotto dal burocratese significa che si potrà tornare anche ad assumere personale. In calce all’emendamento presentato dal consigliere di FdI Quaglieri e che vede fra gli altri firmatari la consigliera peligna La Porta, si legge che tale modifica “si rende necessaria a causa dei ritardi dovuti allo stato di emergenza a seguito della diffusione pandemica che hanno ritardato l’iter procedurale di cui all’art. 20 della L.R. n. 45/2019 per il ripristino degli organi consortili. Inoltre, alla luce della recente approvazione dello Statuto dei Consorzi di Bonifica, che ha modificato sostanzialmente le competenze degli organi consortili ed il sistema di contabilità adottato, si rende necessario un adeguamento delle strutture consortili”.

La notizia delinea il quadro di reggenza che avrà l’ente per il prossimo anno e mezzo almeno. Il consorzio di bonifica, lungamente in mano all’area dei “civici gerosolimiani” ha avuto recentemente seri problemi economici sui quali ci sono stati degli esposti alla magistratura che però al momento non hanno avuto seguito. La Regione dal canto suo ha provato ad arginare la situazione con un finanziamento urgente di 870 mila euro, finalizzato per lo più ad interventi “somma urgenza riguardanti la sicurezza negli impianti e nei luoghi di lavoro”.

Savino Monterisi

1 Commento su "Consorzi bonifica, commissari fino al 2022. Si potrà tornare ad assumere"

  1. Altro che aveva le mani dappertutto era come mafia + camorra + sacra corona unita + lantrangeta tutte insieme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*