Consorzio di Bonifica, nuovo rinvio per le consultazioni. Elezioni a novembre 2023

La chiamata alle urne slitta, di nuovo, per il Consorzio di Bonifica Aterno-Sagittario. Le elezioni del Consiglio d’Amministrazione, fissate con delibera del 19 luglio 2022, non si terranno nella data prevista del 27 novembre. In principio la data per il ritorno alle urne era quella del 27 febbraio, quando con la chiamata al voto si sarebbe chiuso il periodo di commissariamento.

La Regione Abruzzo, poi, ha deciso di procrastinare, fissando dopo il mese di ottobre il voto. Una decisione che mandò su tutte le furie i consiglieri regionali Dino Pepe e Marianna Scoccia, i quali parlarono di “bavaglio agli agricoltori abruzzesi”.

Oggi l’ennesimo rinvio a causa dell’emendamento passato nella seduta odierna del Consiglio Regionale, votato e approvato mentre l’intera minoranza ha abbandonato l’aula in segno di protesta. Ora si dovranno attendere più di dodici mesi per le prossime consultazioni, fissate al 30 novembre 2023. Le associazioni di categoria, esclusa Coldiretti, sono state ascoltate dalle commissioni, e hanno proposto il rinvio del rinnovo del Cda, a causa di varie criticità che, a detta loro, solo il commissariamento può risolvere. O quanto meno tenere botta. Tra queste il caro energetico prodotto dalla guerra, oltre a un piano economico che garantisca il funzionamento dei consorzi.

Eppure era tutto pronto. Anche le liste provvisorie degli aventi diritto al voto. Un voto influenzato da uno statuto che lascia più di qualche perplessità sull’equità delle elezioni. Statuti che, a detta di Confagricoltura Abruzzo, dovranno correggere gli stessi commissari, poiché viziati da incertezza applicative. E’ uno il delegato attribuito alla 1ª sezione, extragricoli ed agricoli con importo inferiore a pari o minore di € 92,82. I delegati che toccano alla 2ª sezione agricola, con importo compreso tra € 92,83 ed € 135,67, sono 4; mentre sono 3 i delegati per la 3ª sezione agricola con importo pari o maggiore di € 135,68.

“Tengo a ribadire quanto già detto in terza commissione – spiega la Commissaria del Consorzio Interno Aterno-Sagittario, Adelina Pietroleonardo -, votazioni o no questo, la Regione dovrà muoversi unita e compatta per risolvere le problematiche economiche di tutti i consorzi. E’ una problematica che va affrontata nella sua interezza, da maggioranza e opposizione”.

“Siamo arrivati per discutere un ordine del giorno contenente alcune interpellanze e due progetti di legge su debiti fuori bilancio e ci troviamo invece davanti emendamenti intrusi – spiegano dal Movimento 5 Stelle -, tanto che il presidente Sospiri per inserirli in discussione ha dovuto applicare una forzatura inaccettabile dell’Articolo 101, comma 3, del regolamento dei lavori”.

“Oggi abbiamo dato risposte concrete a settori fondamentali per l’economia abruzzese – tiene a precisare Lorenzo Sospiri, presidente del Consiglio Regionale -. Non è stata prodotta nessuna manovra che elargiva soldi a pioggia. Nessuna torta è stata spartita. Abbiamo applicato con criterio e responsabilità il Regolamento del Consiglio regionale dell’Abruzzo e consentito la validazione di emendamenti sostanziali”.

La Confagricoltura Abruzzo ha tenuto a rimarcare i motivi per i quali le Organizzazione Agricole hanno richiesto lo slittamento delle elezioni. “Si è ravvisata – si legge nella nota – la necessità di far concludere ai Commissari il lavoro di risanamento economico di questi Enti, in particolar modo è stato evidenziato che la precaria e pregressa situazione economica dei Consorzi, più volte rappresentata dai Commissari dei Consorzi di Bonifica Interno, Centro e Sud, e solo parzialmente arginata dall’attività commissariale, si è aggravata ed ha toccato anche i Consorzi Ovest e Nord nel 2022 per l’eccezionale siccità e per lo stratosferico incremento del prezzo del gasolio necessario alle attività di bonifica e ripulitura dei canali consortili e del prezzo dell’energia elettrica necessaria alle idrovore ed alle stazioni di pompaggio”.

I prezzi del caro bollette sono alle stelle, se si pensa che solo il consorzio Aterno-Sagittario ne ha ricevuta una di 200.000 euro, mentre quello del Fucino ha toccato il milione.

“A questo – prosegue la Confagricoltura – si aggiunge oggi la particolare situazione del consorzio di bonifica centro, che a causa di lavori di manutenzione straordinaria dall’ENEL, si vede costretto a non poter erogare l’acqua per il periodo dal 17 ottobre al 31 dicembre. Confagricoltura, in considerazione del particolare clima di questi giorni, si sta adoperando presso tutti gli enti, per cercare di spostare più in là i lavori dell’ENEL, per poter consentire ai nostri agricoltori l’irrigazione alle colture in atto”.

Commenta per primo! "Consorzio di Bonifica, nuovo rinvio per le consultazioni. Elezioni a novembre 2023"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*