Consorzio riciclone, Cogesa nella top ten di Legambiente

Nonostante i debiti e il piano di investimenti che non ancora parte (oggi era atteso il via libera nella commissione del Comune di Sulmona, poi saltata), il Cogesa porta a casa quest’anno un buon risultato, ottenendo nella classifica nazionale di Legambiente dei Consorzi sotto i 100mila abitanti il settimo posto in assoluto, scalando così quattro posizioni rispetto allo scorso anno (quando si classificò undicesimo) ed entrando nella top ten nazionale.

Nella classifica dei Comuni ricicloni, nella quale ha primeggiato Pratola (non gestita però da Cogesa), d’altronde, sono rientrati molti Comuni sotto Cogesa: Ocre, Villa Santa Lucia, Sant’Eusanio Forconese, Fagnano Alto, Fossa, Tornimparte, Castiglion a Casauria, Navelli, Ateleta, Vittorito e Pacentro.

“Un ottimo risultato non solo per il Centro Abruzzo, ma per l’intera regione, che premia il modello Cogesa – commenta la partecipata – e soprattutto l’infaticabile impegno dei cittadini nel fare correttamente la raccolta differenziata e dei Comuni Soci nel promuoverla, assieme alla Società”.

“Il primo cantiere dell’economia circolare si deve realizzare nelle nostre case, con una buona raccolta differenziata e la riduzione di rifiuti indifferenziati che finiscono in discarica e i 590 Comuni Rifiuti Free premiati oggi ce lo dimostrano. – ha commentato Giorgio Zampetti, direttore nazionale di Legambiente – Amministrazioni, Sindaci e cittadini protagonisti di un nuovo approccio, sostenibile e strategico, nella raccolta dei rifiuti, spesso reso possibile da un unico gestore e da una buona pianificazione”.

2 Commenti su "Consorzio riciclone, Cogesa nella top ten di Legambiente"

  1. Ma a chi tocca togliere l’immondizia che ristagna lungo tutte le strade della vallata? Ai cittadini l’obbligo di pagare le bollette, ma quale delle istituzione è preposta alla pulizia? Visto che ormai sono anni che perdura questa situazione indecente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*