Covid, Poste a regime ridotto

Il numeretto si prende una volta che si è dentro, perché non si può entrare e uscire dagli uffici. Non più con l’emergenza Covid. Lunghe file all’esterno sotto il sole, nonostante il rinforzo degli sportelli al pubblico. Fare una commissione alle Poste a Sulmona è diventata ormai un’avventura, se non un’impresa, perché di fatto dei sei uffici in città e nelle frazioni ne sono rimasti aperti poco più di uno e mezzo.
E’ chiuso da marzo scorso, ad esempio, l’ufficio postale di via San Francesco d’Assisi, quello alla villa comunale per intendersi: chiuso per rimodulazione Covid, che vuol dire che non si sa quando, se e come riaprirà. Insomma l’emergenza sanitaria è stata la scusa per sfoltire un po’ i costi del servizio. Per rimodulazione Covid è chiuso poi anche l’ufficio nella frazione di Torrone, mentre quello della frazione Badia è aperto solo il mercoledì mattina.
Chiuso è, anche e soprattutto, l’ufficio di Sulmona 3, ovvero quello molto frequentato di via Cornacchiola. Qui il Covid ha colpito direttamente: dopo la positività di un dipendente, infatti, tutto il personale (dieci addetti) è stato messo in quarantena fino a nuovo ordine e risultati dei tamponi. I sigilli sono scattati il 7 settembre scorso e a distanza di oltre una settimana non si sa quando riaprirà i battenti.
Parzialmente aperto è poi lo sportello di via Montesanto, attivo tre giorni a settimana: il martedì, il giovedì e il sabato. Mentre l’ufficio centrale, quello di piazza Brigata Majella, ha ricominciato a pieno regime solo da qualche giorno, fornendo un servizio senza pausa dal lunedì al venerdì fino alle ore 19. Per un bacino di utenza così ampio, tra l’altro con la necessità di rispettare le misure di prevenzione, non è evidentemente sufficiente.

4 Commenti su "Covid, Poste a regime ridotto"

  1. Erano a mezzo servizio anche prima del covid

  2. ma andate ancora alle poste?????? ammesso il ritiro delle raccomandate, per me potrebbe anche chiudere. Pagamenti solo online, MAV, F24, CBILL, paypal, bonifici, tutto comodamente da casa.

    • Con l’attivazione di una PEC per pochi € l’anno si potrebbe evitare anche il ritiro e l’invio delle raccomandate…

  3. ma un avviso all’utenza sulla porta d’ingresso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*