Crisi maggioranza: niente accordo su data consiglio. Casini scrive alla città

Non è stato raggiunto l’accordo oggi in Conferenza dei capigruppo per lo svolgimento di un consiglio comunale ad hoc sulla crisi della maggioranza in atto. Nell’ultimo consiglio comunale infatti Di Masci, stampella politica dell’amministrazione Casini si è definito il “capo dell’opposizione”, monito al quale non è seguito poi nessun atto concreto. Sì perché oggi in capigruppo il raggruppamento di Di Masci ha sostenuto la linea della maggioranza e cioè che si discuta la crisi insieme ad alcuni importanti provvedimenti che devono essere approvati entro l’anno, fatto per cui quello non potrà essere il consiglio della sfiducia alla sindaca.

Parliamo in particolare di due delibere che devono essere ancora licenziate dalla Giunta che riguardano i debiti fuori bilancio e la ricognizione sulle partecipate. Sembra dunque un bluff le fibrillazioni delle ultime settimane visto anche che chi si è auto-nominato capo dell’opposizione non ha ritirato i propri assessori e si tiene pronto ad approvare i provvedimenti in arrivo dalla giunta. La data del prossimo consiglio quindi, attesa fra Natale e Capodanno, non è stata al momento individuata.

Intanto nel mezzo delle turbolenze che ciclicamente colpiscono la maggioranza, la sindaca Casini scrive una lettera aperta alla città. Lo fa per rispetto e lealtà verso l’elettorato che l’ha scelta come Prima cittadina in cerca di una forte discontinuità e di un cambiamento con il passato. Elementi che, è bene ricordarlo, vista lo stato delle cose e l’attualità politica sono tutt’altro che in divenire. Quello di Casini sembra una tenace difesa contro Pd e Cinquestelle che sempre più spesso muovono le loro critiche serrate all’amministrazione.

Ad ogni modo contro gli attacchi che sta ricevendo, Casini comunicherà nei prossimi giorni alla città, insieme ai suoi sostenitori e collaboratori i risultati raggiunti e quanto ancora è in itinere dalla sua amministrazione. “Ho sempre lavorato al servizio e per il bene di Sulmona – scrive la sindaca – senza risparmiarmi, con enormi sacrifici anche personali, trascurando famiglia e professione, giorno dopo giorno, per tutti questi 42 mesi, in nome di un patto fatto con i miei elettori e nel rispetto dell’Istituzione che rappresento”.

“La politica della denigrazione – continua Casini – della violenza verbale e della calunnia, della sprezzante e sterile polemica su ogni argomento non mi appartiene. La cultura della discordia, della divisione, della demolizione, causa da sempre delle sventure di questa città, è il primo nemico da combattere. Io guardo ai fatti, fedele ad un impegno sul campo che oggi mi vede responsabile amministrativamente, civilmente, penalmente e moralmente verso la mia città, che governo con impegno costante e quotidiano, serena nel giudizio che a tempo debito solo gli elettori dovranno dare e  consapevole delle numerose difficoltà e del dissenso generale e della sfiducia che attanaglia il sentimento comune verso chi amministra”.

Conclude Casini nella lettera: “Invito questi signori e signore della politica cittadina dal desistere da un disegno contro, ma comincino ad operare nell’interesse della città prima di tutto svelenendo il dibattito e mostrando ai cittadini e a quanti ci osservano a livello regionale uno spettacolo all’altezza delle potenzialità e storia della nostra Sulmona”.

S.M.

2 Commenti su "Crisi maggioranza: niente accordo su data consiglio. Casini scrive alla città"

  1. Non sono di nessun colore politico vattene x il bene della città, vattene sei stata solo il fallimento.

  2. Accanimento terapeutico, la città ormai è morta .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*