Criticità a diabetologia, Puglielli e Di Bacco scrivono al direttore generale

L’avvocata Catia Puglielli , nella qualità di coordinatore del tribunale per i diritti del malato e Salvatore Del Boccio, nella qualità di presidente dell’Associazione diabetici peligna, a seguito di segnalazioni hanno chiesto al direttore generale Asl di valutare un potenziamento e una riorganizzazione della diabetologia presso il presidio ospedaliero di Sulmona al fine di garantire una maggiore efficienza del servizio.

“In particolare – scrivono Puglielli e Di Bacco – si evidenzia che il personale in servizio è insufficiente a fronteggiare la domanda sanitaria di circa 4000 utenti. Gli utenti a digiuno che devono effettuare il controllo periodico del peso, della pressione, della glicemia e della glicata ogni volta attendono tempi troppo lunghi per ottenere la risposta del controllo e la visita medica attraverso la quale viene data la terapia da seguire a casa. Tale attesa risulta particolarmente gravosa per i diabetici di tipo 1 e tipo 2 anziani affetti anche da altre patologie. Il problema si aggrava ogni qualvolta al normale controllo di cui sopra dei diabetici si aggiunge il controllo dei pazienti diabetici microinfusore che vedono ulteriormente occupato il personale medico”.

“Altre segnalazioni – continuano i due – sopraggiungono da pazienti in cura presso il presidio ospedaliero di Castel di Sangro che chiedono una maggiore presenza del personale medico che nello specifico e lo stesso in servizio a Sulmona. Si chiede di intervenire tempestivamente per garantire il corretto funzionamento del servizio”.

Commenta per primo! "Criticità a diabetologia, Puglielli e Di Bacco scrivono al direttore generale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*