Da asintomatico alla polmonite: ricovero per l’imprenditore contagiato

Era asintomatico e in buona salute fino a ieri sera, ma stanotte verso le due ha cominciato ad avvertire dolori addominali, dissenteria e difficoltà di respirazione. L’imprenditore quarantanovenne di Sulmona risultato ieri positivo al Covid, insieme ad altre due persone, ha deciso così di chiedere il trasferimento in ospedale. E’ qui, nel reparto dedicato ai Covid dell’Aquila, che i medici hanno deciso di trattenerlo avendogli trovato un focolaio di polmonite.
L’uomo è ora sotto osservazione, non è intubato, né in terapia intensiva, ma la preoccupazione c’è per il decorso della malattia.
Sotto osservazione resta anche il suo nucleo familiare – molto ampio – che nelle prossime ore sarà sottoposto a tampone, mentre a chi è stato a contatto con i positivi è consigliato di restare a casa e misurare almeno due volte al giorno la temperatura corporea.
Sono ore delicate per la Valle Peligna e per Sulmona che dopo quasi quattro mesi di tregua, sono ripiombate ora nella paura del Covid.

11 Commenti su "Da asintomatico alla polmonite: ricovero per l’imprenditore contagiato"

  1. non abbiamo capito un kaiser | 7 Agosto 2020 at 11:07 am | Rispondi

    La gente e le amministrazioni non hanno ancora capito che il COVID non è sparito! E’ notizia di oggi della fiera dell’assunta. Mi spiegata per quale motivo bisogna fare assembramento a tutti i costi????? pensate veramente che la gente si mette la mascherina? basta vedere quello che accade il sabato sera o le foto su FB di baci e abbracci. ci meritiamo una nuova chiusura!

    • Sì ma in Svezia non hanno fatto tutto questo casino politico dei confinamenti e distanziamenti sociali e con enormi appalti delle mascherine alla Boldrini (anzi no la Pivetti ) Eppure vivono tutti tranquilli il COVID c’è tra di loro,sono morte un po’ di persone già debilitate per cause naturali e tutto ciò esattamente come accade per la SPAZIALE negli anni 70 quando non c’erano algoritmi che governavano la socialità mondiale avendo la capacità matematica di leggerne il polso in tempo reale.

  2. Sig. NIXMIX “in Svezia… un po’ di persone…” 6,25 morti al giorno per milione di persone, il più alto d’Europa! Se x lei è ok! Io non vorrei trovarmi nella condizione che, con migliaia di infetti, debbano scegliere se intubare me o lei!

    • Sì ma sono morti i vecchietti terminali nelle case di riposo , esattamente come avvenne con l’influenza SPAZIALE con i vecchietti che morirono a casa perché le residenze anziani ancora non esistevano.Quindi tutto quello che si sta propagandando in Italia NON È VERO, almeno in termini assoluti e men che meno sulla efficacia del distanziamento e delle mascherine. Anzi al COVID non ci credo proprio perché il maggior numero di morti è in USA ,e gli americani sono pallonari che raccontano frottole ,come il fotomontaggio della patata sul camion degli anni 20. Perciò queste cicliche influenze sono fenomeni di tale enormità che non sono comprensibili da nessuno.E come ciclicamente arrivano gli speculatori che sfruttano le debolezze e le aporie della gente.

  3. Ma che davero? 😳Ma che te bive llu juorne?? Se stai così combinato fatti vedere da uno buono! Suggerisco SPAZIALE ! 🤓

    • Pippo ma che dici,ma che vaneggi o sei zotico? In Svezia sono meno allarmati meno impauriti e senza precauzioni non n è successo nulla di diverso da altre nazioni.Se vai in Svezia sono tutti vivi,io sto dicendo questo, cioè non è assolutamente certo che le precauzioni che ci hanno imposto siano realmente efficaci contro un influenza contagiosa.Sto dicendo che non è sicuro scientificamente nulla. Perché dovrei farmi vedere?

  4. nixmix: allora vai in svezia

    • Asdrubale: ma in Svezia vacci tu, anzi se ci vai trattieniti.
      Io resto in Italia spengo la TV e il virus non c’è più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*