Eco e sisma bonus: “Occasione da non perdere”

E’ un’occasione storica per il Paese e per Sulmona, anche se la politica locale, dicono i professionisti, “dovrebbe intervenire in modo deciso per ridurre i tempi, accelerare le pratiche, rinforzare gli uffici preposti, rivedere i regolamenti edilizi che spesso sono un ostacolo”. Lo avevamo detto, d’altronde, già su questa testata appena il presidente Conte annunciò l’eco e il sisma bonus (in una video intervista a Sergio Berardi), ma ad oggi quell’appello è rimasto inascoltato.
Sarà per questo, dicono quelli di Build Consulting Atp, un’associazione di avvocati e commercialisti che si è specializzata nella consulenza in materia, che ad oggi, ad esempio, gli interventi nel centro storico di Sulmona sono pochi rispetto alla grande possibilità di mettere in sicurezza (molto più di quanto possano concedere i fondi per il terremoto del 2009) la città antica.
“L’80% delle richieste si limita all’eco bonus – spiega Valerio Giannandrea – perché intervenire sull’adeguamento sismico, specie in centro storico, è molto complicato. Eppure questa è una grande occasione e noi ci siamo messi insieme per dirimere i dubbi e favorire il buon esito delle pratiche, facendo da consulenti e mediatori tra i committenti, le aziende, l’Agenzia delle entrate e le banche”.
L’invito è quello a non farsi scappare questa occasione che rappresenta un’enorme boccata d’ossigeno per il settore edilizio e indirettamente per tutta l’economia.
“Molte imprese edili del territorio che per grandezza potrebbero avere difficoltà ad assumere gli incarichi per l’esposizione con le banche – continuano i professionisti – possono comunque trovare la loro fetta di mercato, perché i modi per accedere ai finanziamenti senza sborsare un euro ci sono”.

2 Commenti su "Eco e sisma bonus: “Occasione da non perdere”"

  1. Senza sborsare un euro, sì come no e poi c’era la marmotta che confezionava la cioccolata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*