Fondi a rilento, Strada dei Parchi minaccia lo stop ai lavori

Scarseggiano i fondi e Strada dei Parchi minaccia lo stop ai lavori di manutenzione e messa in sicurezza delle autostrada A24 e A25 entro la prossima settimana. Si tratta di interventi da finanziare con fondi europei individuati dal ministero competente in materia, risorse economiche che, però, saranno a disposizione in cassa sono a partire dal 2021 con tranche di 50 milioni di euro l’anno. Così la scorciatoia, considerata l’urgenza dei lavori, è stata quella di far intervenire la cassa depositi e prestiti con 250milioni approvati con il decreto Mezzogiorno che, qui un altro intoppo burocratico, potranno essere erogati solo a partire dal febbraio 2018.La comunicazione è arrivata a strada dei Parchi solo venerdì.

Nel frattempo, insomma, la società del gruppo Toto non riuscirebbe a portare avanti la baracca, da qui la minaccia di dare un taglio ai lavori con 900 posti di lavoro a rischio tra tecnici e operai. Parla di assurdità l’amministratore delegato di Sdp, Cesare Ramadori, in una intervista rilasciata su Il Messaggero di oggi, tanto più che a metter fretta a questi interventi, “antisismici” e pretesi dall’Europa, è stato il ministro Graziano Del Rio.

Da maggio sono attivi lungo le due arterie autostradali diversi interventi riuniti sotto il nome di

“antiscalinamento” dei viadotti finanziati tramite “manovrina” di aprile per 110milioni di euro divisi in due tranche. Si tratta del primo intervento al quale dovrebbe seguire, ora, quello più importante di messa in sicurezza il cui costo complessivo non ricadrà sull’utenza grazie al Fondo di Coesione europeo.

Per risolvere la questione sono intervenute le senatrici Paola Pelino e Stefania Pezzopane che hanno presentato degli emendamenti al decreto fiscale, in Senato la prossima settimana per l’approvazione. In sostanza si chiede di dare continuità alla messa in sicurezza delle autostrade sospendendo il pagamento delle rate annuali di concessione dovute all’Anas, da restituire successivamente. Questo escamotage, però, sembra non essere piaciuto al ministero dell’economia.

S.P.

Commenta per primo! "Fondi a rilento, Strada dei Parchi minaccia lo stop ai lavori"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*