Grigliate e fuochi d’artificio nel Parco Maiella: si infiamma la polemica

Minaccia di rivolgersi al prefetto la Stazione Ornitologica Abruzzese in vista dei fuochi di artificio previsti e autorizzati a Pacentro per il prossimo 5 settembre a chiusura della Corsa degli Zingari. Gli ambientalisti si scagliano contro il Parco Maiella, il Comune di Pacentro, arrosticini e agnello alla brace, perché oltre ai fuochi pirotecnici, sostengono, i due enti hanno chiesto la deroga per l’accensione di 15 punti fuoco a Passo San Leonardo – respinta dalla Regione – “atti privi di Valutazione di Incidenza Ambientale – scrive la Soa -, obbligatoria per legge per tutte le attività che possono costituire una minaccia per la biodiversità”. 

“Nel bel mezzo di una siccità infinita, con prati secchi e boschi in sofferenza un ente nazionale preposto alla tutela della natura pensa ad assicurare grigliate e feste – aggiunge il presidente della Soa, Massimo Pellegrini -. Tra l’altro in un momento in cui le forze dell’ordine, i vigili del fuoco e i volontari sono stremati per rincorrere le emergenze e assicurare la repressione nei confronti dei piromani e non possono certo perdere tempo a sorvegliare anche chi vuole arrostire agnello e salsicce. Pazzesco!”.

“Non ci sarà nessuna grigliata a Ferragosto – assicura però il sindaco di Pacentro, Guido Angelilli -. La deroga che abbiamo richiesto fa riferimento a dei punti fuoco (sostanzialmente delle aree griglia attrezzate) che sono state già oggetto di valutazione da parte del Parco e che si trovano in località Le Coppe, nei pressi del campeggio, in condizioni di tutta sicurezza. Tuttavia vista la situazione attuale e il caldo di questi giorni, abbiamo convenuto di chiedere la deroga fuori dalla finestra critica di Ferragosto e la ripresenteremo in futuro. Per quanto riguarda i fuochi pirotecnici invece- continua Angelilli – saranno fatti come da tre anni a questa parte in estrema sicurezza: saranno infatti fuochi depotenziati e sparati su un agro completamente arato e privo di alberi e boschi”.

6 Commenti su "Grigliate e fuochi d’artificio nel Parco Maiella: si infiamma la polemica"

  1. Vista la siccità e la situazione di emergenza che hanno richiesto uomini e mezzi di supporto in Sicilia e Calabria, eviterei anche di accendere una sigaretta 🚬

  2. …stupidaggini ferragostiane…campeggio completamente fuori Normativa vigente con pseudo Autorizzazioni farlocche rilasciate dall’ Ente Parco Maiella, ma poi cosa è cambiato rispetto all’ ORDINANZA N. 17 datata 28/07/2020 con oggetto: chiusura area campeggio “Le Coppe” – Passo San Leonardo ?
    Poi i fuochi depotenziati…basta guardare la “ fuga terrorizzata” di tutti gli uccellini e animali che popolano l’area boscata presente sulle pendici del vallone del fiume Vella all’accensione dei primi “ Botti”…a meno di 30 metri.
    Si, dott. Massimo Pellegrini, PAZZESCO…

  3. …stupidaggini ferragostiane…campeggio completamente fuori Normativa vigente con pseudo Autorizzazioni farlocche rilasciate dall’ Ente Parco Maiella, ma poi cosa è cambiato rispetto all’ ORDINANZA N. 17 datata 28/07/2020 con oggetto: chiusura area campeggio “Le Coppe” – Passo San Leonardo ?
    Poi i fuochi deponziati…basta guardare la “ fuga terrorizzata” di tutti gli uccellini e animali che popolano il vallone del fiume Vella all’accensione dei primi “ Botti”.
    Si, dott. Massimo Pellegrini, PAZZESCO…

  4. francescovalentini1935 | 13 Agosto 2021 at 17:23 | Rispondi

    In questo periodo in cui l’Italia ha bruciato mezzo patrimonio boschivo come si puo’ concedere ad un Sindaco la facolta’di accendere fuochi pirotecnici o di riservare spazi alle grigliate ferragostane? Il Morrone e’andato in fumo:abbiamo gridato allo scandalo alla ricerca dei colpevoli che avevano trascurato la cura del sottobosco,pacchia per inneschi:lettera morta,tutto dimenticato.Adesso liberta’ di incendio:tocca a Fonte Romana che sta assistendo impotente alla partenza di tonnellate di legname:ho scritto inutilmente per il Comune di Pacentro e Parco Maiella:forse i politicanti pensano che tagliando alberi secolari togliamo esche per il fuoco:non lo avevo pensato,nella mia “pochezza forestale” :per fortuna c’e’ chi ….surroga le manchevolezze:e lo scempio continua nel silenzio:fino a quando?

  5. Il Marchese del Grillo | 13 Agosto 2021 at 23:44 | Rispondi

    …decine e decine di migliaia di quintali di faggio tagliati, la deforestazione selvaggia per far entrare qualche decina di migliaia di euro nelle casse del Comune, che è bene ricordarlo per arrivare a questo ha rescisso una Convenzione con l’Ente Parco Maiella che per la gestione dei boschi e dei pascoli comunali, gli versava oltre TRENTAMILA EURO DI RISTORO ogni anno.
    Facendo salvi i diritti di USO CIVICO di pascolo e legnatico dei cittadini Pacentrani.
    Risultato: deforestazione e Pascoli concessi
    ai “ famosi pseudo allevatori forestieri”…
    Non strilla nessuna “ anima bella” ?
    Nessun allarme di probabili infiltrazioni?
    Nessuna indagine seria nel merito?
    Va tutto bene…

  6. francescovalentini1935 | 14 Agosto 2021 at 17:30 | Rispondi

    A proposito della della deforestazione in atto da mesi a Fonte Romana ho scritto da mesi:e’ possibile che solo “il marchese del grillo” si sia trovato sulla mia stessa lunghezza d’onda e con piu’ cognizione di causa? Dove sono quelli che intervengono sui piu’ disparati argomenti?Questa volta il danno che si sta perpetrando riguardera’ la sopravvivenza dei nostri figli:invece stiamo preparandoci alla prossima tenzone elettorale vantando benemerenze esistenti solo nella “fantasia personale”:e gli Organi che dovrebbero spiegare perche’ stanno assassinando la Natura tacciono: i tentacoli hanno messo piede anche in questa terra che qualcuno definiva “isola felice”?Quando qualcuno a ottobre “coronera’ il suo sogno” il misfatto sara’ cosa fatta:sveglia,salvatori in pectore della Patria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*