Il Centro Abruzzo si unisce con “Orizzonti Comuni”. Di Nino: “Basta spopolamento”

Uniti si può. I Comuni del Centro Abruzzo si sono tesi la mano, seppur in modo virtuale, durante l’evento che si è svolto nell’intera giornata di oggi, in diretta streaming, denominato “Orizzonti Comuni. Dalla Carta delle Valli linee per lo sviluppo e la coesione del Centro Abruzzo”, a conclusione del progetto progetto MITO, finanziato dal POR FSE Abruzzo 2014-2020, che ha visto protagonisti in coesione 14 comuni del centro Abruzzo con Sulmona capofila: Anversa, Scanno, Villalago, Pratola Peligna, Corfinio, Raiano, Prezza, Pettorano sul Gizio, Rocca Pia, Cansano, Campo di Giove, Cocullo, Introdacqua e Bugnara. 

L’obiettivo è quello di buttar giù le fondamenta per un modello di vita e di lavoro che sappia coniugare le esigenze di un territorio montano, come quello peligno, caratterizzato dalla bellezza dei propri luoghi e dalla qualità della vita, superando quei limiti storici che da tempo frenano la crescita del territorio, come le scarse opportunità occupazionali, la fuga dei giovani e il graduale spopolamento dei borghi. I sindaci firmatari della Carta dei Comuni delle Valli hanno tracciato le linee prioritarie di sviluppo strategico, per concretizzarne gli obiettivi in modo coeso e per cogliere al volo quelle che saranno non solo le opportunità regionali, ma anche nazionali ed europee.

Nel corso dell’incontro è stato presentato l’Ufficio Unico di Progettazione, istituito dal Comune di Sulmona in convenzione con gli altri sindaci, quale strumento concreto di coesione territoriale, per cogliere le prossime importanti sfide e attrarre finanziamenti e opportunità da PNRR, Regione ed Europa. In 5 webinar, moderati in due sessioni dai giornalisti del Corriere della Sera, Giuseppe Guastalla e Mario Sensini, sono state presentate le linee di sviluppo strategico della Carta dei Comuni delle Valli direttamente dai sindaci, raccogliendo i contributi dei vari relatori particolarmente qualificati, che di fatto hanno fornito numerosi spunti e indicazioni su come proseguire il percorso avviato, nei prossimi strumenti di programmazione. 

“Un incontro proficuo – spiega il sindaco Annamaria Casini – che apre di fatto una nuova fase del progetto di coesione che si allarga a tutto il Centro Abruzzo. Siamo sulla strada giusta  ma ora si apre una nuova fase per raggiungere i risultati. Raccoglieremo i contributi di oggi per arricchire la Carta dei Comuni delle Valli e i 5 webinar diventeranno 5 tavoli tematici per approfondire i temi e produrre progetti.  L’Ufficio appena costituito dovrà ampliare la capacità di governo e progettazione di interventi concreti da parte dei sindaci del territorio, che hanno lavorato insieme in questi anni e che ringrazio per il fattivo coinvolgimento, anche con nuove risorse attrarre finanziamenti. Oggi la responsabilità di promuovere lo sviluppo è ancora più alta e riguarda l’intero sistema locale perché tutti siamo chiamati a fare la propria parte, superando localismi e sterili protagonismi a favore del bene comune”.

“Bisogna evitare lo spopolamento, annullare gli effetti del degrado e dell’abbandono, rendere appetibile il centro storico – ha detto il sindaco di Pratola Peligna Antonella Di Nino – L’iniziativa “Case a 1 euro a Pratola Peligna” sta raccogliendo l’interesse di potenziali acquirenti anche fuori dall’Italia, disposti ad investire sul nostro territorio e aiutarci a riqualificare le aree del nostro paese”.

Commenta per primo! "Il Centro Abruzzo si unisce con “Orizzonti Comuni”. Di Nino: “Basta spopolamento”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*