Il ritorno dello “zio d’America”: il Centro Abruzzo a TTG di Rimini

C’è una fetta importante del Centro Abruzzo tra i trenta Comuni abruzzesi che aderiscono al programma del turismo di ritorno, l’iniziativa presentata al TTG di Rimini che si è conclusa oggi.

Qui dove lo spopolamento si è fatto sentire nei secoli e da dove migliaia di persone sono partite su navi e treni alla ricerca di fortuna.

E’ a loro, a quei 70 milioni di italiani che vivono all’estero, figli, nipoti e pronipoti di italiani, che il progetto si rivolge: per farli tornare alle loro origini, a ricercare le loro radici. Con l’obiettivo di fare turismo, ma anche di offrire la possibilità di una nuova vita: a loro e ai paesi che si stanno spopolando, magari convincendoli a trasferirsi nella loro patria di origine.

A portare la voce del territorio è stato in particolare il sindaco di Scanno, Giovanni Mastrogiovanni, che è anche vice presidente del comitato regionale Abruzzo 2023 anno del turismo di ritorno.

Sì, perché dal prossimo anno, il progetto, quinquennale, entrerà nel vivo attraverso un programma di rilancio dell’immagine dell’Italia e di promozione del Paese con investimenti, favorendo l’export, gli incontri commerciali e creando collaborazioni stabili con i nostri connazionali.

Scanno, ma anche tutta la Valle del Sagittario, Pettorano sul Gizio, e tanti altri borghi dell’area peligno-sangrina, hanno già firmato il protocollo d’intesa con Rete Destinazione Sud, promotrice dell’evento.

L’obiettivo è di dare vita a un Expo internazionale dell’italianità. Un evento diffuso in tutti i territori della Penisola, dove ogni Regione e ogni Comune, in sinergia con le imprese, potrà esporre le proprie eccellenze culturali, produttive, enogastronomiche e turistiche.

Un pretesto per invitare i nostri connazionali all’estero non solo a tornare in Italia per turismo, ma anche per invitarli a investire per rivitalizzare intere aree del Paese, creando lavoro e occupazione e valorizzando competenze e talento dei giovani italiani.

Ieri, in una conferenza, il comitato ha presentato a Rimini il marketplace online attraverso il quale i turisti di ritorno avranno la possibilità di prenotare online pacchetti e soggiorni per il loro ritorno in Italia e ha tracciato la road map dei lavori.

“Un’esperienza proficua e produttiva la Fiera internazionale di Rimini – ha commentato Mastrogiovanni -, in cui abbiamo presentato vantaggi ed opportunità del progetto dedicato al Turismo di ritorno. Come avevamo annunciato, infatti, abbiamo cominciato subito a lavorare a questa iniziativa dal grande potenziale per il rilancio turistico e lo sviluppo economico del territorio”. 

Commenta per primo! "Il ritorno dello “zio d’America”: il Centro Abruzzo a TTG di Rimini"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*