Il trasporto urbano viaggi su Google: fermate geolocalizzabili

Un altro passo vero la digitalizzazione del trasporto urbano di Sulmona è stato compiuto. Infatti, da oggi, il settore Trasporti del Comune ovidiano ha provveduto ad effettuare la geolocalizzazione delle fermate delle linee del Trasporto Pubblico cittadino, affinché siano pubblicate su Google Maps.

Ciò consentirà agli gli utenti di pianificare il percorso, in particolar modo ai turisti sprovvisti di mezzi propri per muoversi all’interno del tessuto urbano cittadino. Una mossa che avvia il processo di bigliettazione elettronica, che non sostituirà comunque quella cartacea. Infatti, oltre ad avere i biglietti e gli abbonamenti sul proprio smartphone, rimarranno aperte e attive le biglietterie per tutti i nostalgici del ticket da obliterare.

Sempre a proposito di trasporto urbano, è sempre più vicino l’arrivo di altri due mezzi a metano che andranno a potenziare la “flotta” a disposizione del Comune, evitando nuove soppressioni delle corse dell’ultimo minuto. D’altronde il potenziamento del parco mezzi è stato richiesto, oltre che dai cittadini, anche dai gestori delle attività ricettive, specie dopo il grande afflusso di turisti nelle ultime vacanze natalizie. Troppo spesso viene lasciato a piedi chi arriva in città su “rotaia”. Considerando la distanza tra la stazione sulmonese e il centro città, molti operatori turistici hanno dovuto mettere a disposizione delle navette per poter portare i clienti nelle proprie strutture.

3 Commenti su "Il trasporto urbano viaggi su Google: fermate geolocalizzabili"

  1. Francamente questa distanza tra la stazione e San panfilo non la vedo. Sono a malapena 1000 metri. Non credo sia un problema per chi decide di viaggiare utilizzando il treno invece che l’auto

  2. La geolocalizzazione delle fermate è il passo più semplice e rapido da realizzare per il sistema di trasporti cittadino… è un click sul cellulare con gps abilitato per poi inviare i dati a google su https://maps.google.com/landing/transit/index.html per l’inserimento. Viene da se, a seguire, l’inserimento degli orari e le segnalazioni. Il grosso è garantire che tutto funzioni nel reale, in campo, con il rispetto degli orari e dei tempi di percorrenza, l’effettuazione delle corse, che i mezzi e gli autisti vi siano, che pensiline, paline e segnaletica orizzontale vi sia e mantenerne l’efficienza, l’integrazione con l’app per l’acquisto dei biglietti … queste e altre le note dolenti da “sconfiggere” e da attuare.
    Comunque è sempre un primo passo e la cosa non può che esser vista positivamente.

  3. The Wheels on The Bus | 9 Gennaio 2023 at 17:50 | Rispondi

    Cosa si deve digitalizzare per 4 corse al mattino e 2 al pomeriggio?!? Ma una linea che colleghi stazione, centro, ospedale e clinica a loop la vogliamo istituire?!?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*