In bianco con prudenza. Scendono i contagi, sanzioni per l’ultimo sabato con coprifuoco

Niente più coprifuoco, né limitazioni per negozi e attività, se non quelle per i ristoranti che al chiuso potranno avere tavoli da massimo sei persone: da oggi si apre una nuova fase per l’Abruzzo con l’ingresso in zona bianca e, si spera, un percorso che presto porterà a lasciare alle spalle la pandemia. Un traguardo che qualcuno pensava di aver raggiunto già in questo fine settimana, dove a Sulmona, nella centrale piazza Garibaldi, si è registrata la sanzione e la chiusura di un bar che aveva servito un avventore (giustificandosi con il fatto che stesse solo pagando il conto) alle 23,20, ovvero dopo l’ora del coprifuoco che avrebbe dovuto vedere tutti, non solo i baristi, già a casa.

E se la provincia di Pescara ieri ha registrato zero contagi, la situazione in quella dell’Aquila resta di moderata allerta. In Centro Abruzzo i numeri sono confortanti, con il contagio in drastica diminuzione, anche se con qualche eccezione in alcuni paesi. 

Ieri è stato accertato un solo caso sul territorio e in particolare a Pratola (in termini assoluti la più colpita nell’ultima settimana): un venticinquenne che si trovava già in sorveglianza.

In Alto Sangro da una settimana ormai non si registrano nuovi casi e in realtà i Comuni coinvolti in nuovi casi di positività nell’ultima settimana sono stati solo tre in Valle Peligna: Sulmona (5 casi), Pratola (9 casi) e Prezza (7 casi).

La temperatura è sotto controllo, insomma, quasi dovunque in Centro Abruzzo che segna un’incidenza settimanale di 32 casi ogni 100mila abitanti, dato che cresce in Valle Peligna a 49,2 (sulla soglia della zona bianca insomma).

Nei tre centri colpiti negli ultimi sette giorni la situazione è buona a Sulmona che ha un indice di incidenza di 21,8 casi settimanali ogni 100mila abitanti, oltre la soglia bianca si trova Pratola con 125 e molto oltre, il triplo quasi del limite da zona rossa, Prezza che raggiunge i 721,6 casi settimanali ogni 100mila abitanti. Bisogna tener conto, però, che a Prezza i 7 casi che incidono molto su una popolazione di meno di mille anime, sono tutti circoscritti in un unico nucleo familiare.

Mascherine, distanziamento, buon senso è tutto quel che serve per evitare di uscire dalla “linea bianca”.

Commenta per primo! "In bianco con prudenza. Scendono i contagi, sanzioni per l’ultimo sabato con coprifuoco"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*