Incendio a Molina, fiamme quasi domate. Aperta strada tra la vegetazione per intervenire sul rogo

Sembra sotto controllo l’incendio che circa due settimane interessa il bosco delle Gole di San Venanzio, nel Comune di Molina Aterno. Le fiamme sono quasi domate, come spiega il sindaco Luigi Fasciani, in costante contatto con il centro operativo sebbene dalla propria abitazione, a causa della positività al Covid riscontrata ieri. “E’ importante che sul posto siano dispiegate tutte queste forze – ha spiegato Fasciani – La notte scorsa con il forte vento abbiamo temuto un peggioramento della situazione. Sono andato io personalmente in piena notte a monitorare l’incendio da molto vicino. C’erano oltre trenta gradi ed erano le due di notte. Una roba unica, mai vista”.

Continuano le operazioni di spegnimento e bonifica dell’incendio con elitrasporto di squadre AIB in quota. Attualmente sono operativi un canadair e un Elicottero Regionale (Orso Bruno) quest’ultimo per il rifornimento della Vasca elicottero montata in quota, per alimentare la linea Idrica di circa 350 metri che è stata allestita per il trasporto di acqua sul sito dell’incendio.

Al momento sul posto sono operative 40 unità tra Vigili del Fuoco e volontari della Protezione Civile. Si sta man mano circoscrivendo l’incendio in quei 15/20 ettari che sono il cuore vero e proprio del rogo. Le operazioni in mattinata sono state agevolate dall’apertura delle strada all’interno della vegetazione.

Le forze in campo hanno così potuto operare ancor più da vicino sulle fiamme, a circa 200 metri dal cuore dell’incendio. Si cerca anche mettere in sicurezza i 50 centimetri di spessore di sottobosco, dal quale potrebbero divampare nuovi roghi. Le operazioni di spegnimento e bonifica dovrebbero proseguire anche nella giornata di domani. Intanto si preparano dei presidii per monitorare la zona nei prossimi giorni, ed evitare dei veri e propri ritorni di fiamma.

Commenta per primo! "Incendio a Molina, fiamme quasi domate. Aperta strada tra la vegetazione per intervenire sul rogo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*