Infrastrutture e sociale: 2,6 milioni dal Pnrr. A Sulmona sfuma teatro ed elisuperficie

Ammontano a 2 milioni e 600mila euro i finanziamenti ottenuti dal Centro Abruzzo nel bando del Pnrr su servizi e infrastrutture sociali di comunità. Un bottino, a dire il vero, piuttosto magro, che lascia fuori opere su cui si era puntato, a partire da Sulmona, dove i progetti di ristrutturazione del teatro, di palazzo Pretorio e dell’elisoccorso, dovranno aspettare. I progetti esclusi, infatti, sono risultati idonei, ma non abbastanza in alto in graduatoria per essere finanziati.

Portano a casa i soldi veri, invece, i Comuni di Pratola Peligna (1 milione di euro), Castel di Sangro (1 milione di euro), Secinaro (300mila euro) e Anversa degli Abruzzi (300mila euro).

A Pratola, in particolare, è stato finanziato l’adeguamento sismico dell’ex giudice di Pace in via circonvallazione, struttura che andrà ad ospitare un centro polifunzionale destinato principalmente alle associazioni e con l’ipotesi di realizzarvi una sala conferenze. “Una bella giornata – commenta la sindaca Antonella Di Nino – una risposta a chi dice che Pratola non ottiene finanziamenti”.

Un milione di euro andrà anche a Castel di Sangro per la ristrutturazione dell’ex scuola media al centro della città, destinata ad ospitare un centro profughi. Stessa destinazione che avrà la parte superiore del Comune di Secinaro che si è aggiudicato 300mila euro. Ad Aversa, invece, la stessa somma servirà per il centro anziani.

Lunga la lista degli esclusi, ovvero di quei progetti che pur risultando idonei, non hanno ottenuto un punteggio sufficiente a rientrare tra quelli finanziabili. Ogni Comune poteva presentare al massimo tre progetti per un importo massimo, ciascuno, di 2 milioni di euro.

A Sulmona, così, sfuma, almeno con questi fondi, la possibilità di mettere in sicurezza palazzo Pretorio per il quale si era chiesto un finanziamento di 1,45 milioni di euro, così come sfumano i 400mila euro messi sul teatro Caniglia che (oltre all’efficientamento energetico, già finanziato a parte) dovevano servire alla sistemazione dei camerini, dei bagni e del tetto: un regalo per i 90 anni della struttura che resterà incartato. Il terzo progetto presentato da Sulmona era invece sul sociale: 150mila euro che dovevano servire a finanziare soggiorni estivi marini e in montagna per anziani e disabili. Anche questo idoneo, ma non finanziato. La botta più dura è però quella dell’elisuperficie che doveva essere realizzata all’ospedale di Sulmona: 597mila euro che la Asl aveva richiesto al Pnrr, ma che non ha trovato capienza. La pista di atterraggio, d’altronde, era stata già finanziata con quei 10 milioni di euro che poi sono stati parzialmente tolti dalla Regione a febbraio scorso.

Restano senza soldi in cassa anche Roccaraso (300mila euro per l’ex asilo Borgonuovo), Raiano (300mila euro per lavori straordinari sulla scuola Postiglione), Cocullo (250mila euro per l’ambulatorio), Scontrone (300mila per il centro sportivo di Villa Scontrone), Bugnara (270mila euro per lo sport e 29mila per un ambulatorio virtuale), Villalago (274mila per lo sport), Acciano (300mila per destinare l’ex asilo a casa dei servizi), Villetta Barrea (299mila per la villa comunale), Alfedena (298mila per il rifugio “La Stalluccia”), Rocca Pia (300mila euro per ristrutturare la cappella cimiteriale da destinare a uso polivalente) e Campo di Giove (300mila euro per rifare piazza Umberto I).

3 Commenti su "Infrastrutture e sociale: 2,6 milioni dal Pnrr. A Sulmona sfuma teatro ed elisuperficie"

  1. Aversa in provincia di Caserta?

  2. E meno male che avevano reclutato l’esperto di fondi per prendere i finanziamenti. Probabilmente gli esperti di Secinaro Anversa erano più esperti dell’esperto

  3. Vada pure per gli edifici storici di Sulmona, anche se sicuramente di gran lunga più importanti dei progetti di Pratola e Castel di Sangro (ormai ci siamo abituati), ma che si scelga di non finanziare l’elisuperficie per il soccorso sanitario (al cui confronto tutto il resto è solo aria fritta) è un abominio ed un’assoluta vergogna!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*