Introdacqua, la minoranza tuona “amministratori, unici responsabili”

Non si arrestano le polemiche e i botta e risposta nel post dimissioni del sindaco di Introdacqua, Terenzio Di Censo. Ad animare la cronaca politica sono maggioranza e minoranza, e se da un lato i primi chiedono il ritiro delle dimissioni parlando di piano di rientro, i secondi premono l’acceleratore delle responsabilità del famoso buco finanziario.

Le “fumose dichiarazioni” in riferimento ad un “fantasioso piano di rientro” da realizzare con la vendita di proprietà comunali, rappresenta l’ennesimo gesto di incompetenza e mancanza di sincerità” nei confronti dei cittadini” così sottolinea il gruppo “Uniti per Introdacqua”.

Gli immobili messi in vendita, non raggiungerebbero i prezzi proposti spiega il consigliere Mariano Silvestri “per fare un esempio, basta pensare all’ex edificio scolastico della frazione Cantone – indicato ad un prezzo a base d’asta di euro 308.700,00”. Perplessità dunque sulle aste, l’opposizione tuona “allora dove si troveranno i soldi per ripianare i tanti debiti accumulati negli anni?”Le radici “dell’enorme debito”, chiaramente, si trascinano ad un tempo precedente, ma questo, con una persuasiva dialettica, non viene chiarito”

Poi la polemica va dritta al vicesindaco “Destano “stupore e meraviglia” le inammissibili dichiarazioni del Vicesindaco, anche assessore con delega al bilancio, nonché responsabile dell’Area Finanziaria-contabile e, consigliere comunale di maggioranza e, dell’ex Sindaco che, invece di fare autocriticacontinuano a “vendere fumo” ed a scegliere, da molti anni, la sola strada dei “personalismi” e della propaganda! Inequivocabilmente, i risultati conseguiti, sono sotto gli occhi di tutti!” e ci vanno giù duro ”Il Vicesindaco “longevo traghettatore” di più Amministrazioni, solerte a dichiarazioni alla stampa e “maestro in auto-elogi”, sempre presente agli appuntamenti pubblici con indosso la fascia tricolore, al contrario, si mostra “ostile” quando chiamato a specifiche inconfutabili responsabilità per quanto accaduto”

Per la minoranza la responsabilità del disastro finanziario creato, risiede nella gestione dell’amministrazione  “senza alcun senso della vergogna” condannando “la saccente condotta degli amministratori, unici responsabili del “disastroso buco di bilancio!”

Il gruppo di Uniti per Introdacqua, conclude “Purtroppo, i cittadini non hanno percezione dell’accaduto, la strada conduce – ormai inevitabilmente – ad un “dissesto finanziario” – che ricadrà, certamente, sulle tasche dei cittadini e, la colpa di tutto questo, inequivocabilmente, non potrà essere attribuita ad altri”

Commenta per primo! "Introdacqua, la minoranza tuona “amministratori, unici responsabili”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*