Iti, i laboratori nell’uovo di Pasqua

Buone notizie per l’istituto tecnico industriale Leonardo Da Vinci di Pratola Peligna, dopo cinque mesi di didattica monca, infatti, anche il problema del laboratorio di meccanica si avvia a soluzione.

Il progetto di messa a norma del corpo dove si trovano i laboratori, rimasto interdetto anche dopo la prima tornata di lavori, per l’inagibilità statica, ha trovato oltre ai fondi (poco meno di 140mila euro) e al progetto (consegnato a fine dicembre), anche una ditta interessata a fare i lavori.

Se la Befana ha portato a riaprire i due piani del corpo centrale, insomma, dall’uovo di Pasqua dovrebbe uscire la sorpresa dei laboratori.

Nelle ultime due settimane, in realtà, si è temuto che non si riuscisse a trovare un’azienda disponibile sul mercato, anche perché quella uscente, ovvero quella (la Salvatore e Di Meo) che ha eseguito i lavori sul corpo centrale durante le vacanze di Natale, non era “arruolabile” per il principio della rotazione.

Ora, però, sul tavolo della Provincia è arrivata una manifestazione di interesse all’appalto, offerta che verrà aperta lunedì e che, se avrà i requisiti richiesti, sarà la naturale affidataria dell’opera.

“I lavori partiranno subito dopo – spiega il presidente della Provincia, Angelo Caruso – e dovrebbero durare un paio di mesi”. A conti fatti entro Pasqua gli studenti dell’Iti potranno tornare nel laboratorio di meccanica che, a differenza degli altri due, non è stato possibile spostare a causa dell’ingombro e del peso dei macchinari, oltre che dei requisiti tecnici necessari (come ad esempio la corrente industriale).

L’anno, certo, sarà a Pasqua ormai in gran parte “andato”, tuttavia la riapertura del laboratorio di meccanica e il ritorno degli altri due nella loro naturale sede, consente alla scuola, se non altro, di presentarsi in questi giorni di open day e iscrizioni, con quasi tutte le carte in regola.

In verità la palestra resterà interdetta a tempo indeterminato, mentre dopo la messa in sicurezza statica, senza la quale non è possibile tenere aperta la struttura, si dovrà passare all’adeguamento sismico della scuola, i cui valori di vulnerabilità restano dieci volte inferiori a quelli di legge.

“Ora pensiamo a riaprire la scuola – continua Caruso – poi tutto il resto verrà: stiamo già lavorando ad un progetto di messa in sicurezza”.

1 Commento su "Iti, i laboratori nell’uovo di Pasqua"

  1. Una montagna di bugie su un edificio praticamente inagibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*