La kriptonite e il superassessore

  Lei lo ha chiamato, uscendo fuori dal formalismo e invocando il suo ritorno. Un appello dal balcone su affaccio in via Mazara, a palazzo San Francesco, come fosse Lois Lane, per chiedere a lui, il “superassessore”, di volare più veloce della luce a salvarla. Per nessuno il sindaco Casini aveva mai lanciato un invito…

Il contenuto di questo articolo è riservato ai membri Sostenitore

Registrati per continuare la lettura dell’articolo.
Sei sei gia iscritto, fai il Login
Visita la nostra pagina per saperne di più! InfoAbbonamenti