La maggioranza: “In Abruzzo non avviene nulla di ‘eversivo’ né di ‘pericoloso’”

“Il ‘caos’ e il ‘dis-ordine’ che le recenti ordinanze presidenziali avrebbero creato stanno solo nella testa dell’opposizione, che alimenta la confusione per fare propaganda. Basterebbe alzare lo sguardo dal proprio ristretto cortile per accorgersi che in Abruzzo non avviene nulla di ‘eversivo’ né di ‘pericoloso’”. E’ il governo regionale abruzzese a rispondere alla varie accuse mosse nonostante, al momento, un po’ di caos ci sia visto che neanche le forze dell’ordine non sanno bene come muoversi.

Per l’Abruzzo è stato accertato che, comunque, il 95 per cento di quanto ordinato è in linea con le disposizione del governo e, sottolinea la maggioranza, “Il clamore del Pd e del M5S abruzzese contro le ordinanze del Presidente Marsilio cozza con le decisioni similari prese da altri presidenti di Regione a guida Pd e ‘fedeli’ al Governo Conte”. In Puglia, Marche e Lazio ad esempio.


Sulla misura ulteriormente restrittiva emanata un mese fa per l’area metropolitana di Pescara, Montesilvano e Spoltore la maggioranza sottolinea: “Tali esigenze sono venute a cessare: grazie all’andamento epidemiologico, al superamento della zona rossa nell’area vestina, alla minore pressione negli ospedali, i sindaci stessi nella giornata del 30 aprile hanno chiesto al Presidente di revocare le misure più restrittive, cosa che il Presidente ha fatto immediatamente. Il Presidente si è fidato del giudizio e del consiglio di tre sindaci prudenti e coscienziosi quando ha emanato ordinanze più restrittive e regole più severe, altrettanto ha fatto quando gli hanno chiesto revocarle alla luce del mutato quadro. Ciò non significa ‘tana liberi tutti’” e, in conclusione, “Se qualcuno ritiene che a Pescara, Montesilvano e Spoltore i cittadini debbano essere costretti a misure più restrittive della libertà personale, non ha che da spiegarlo ai cittadini e magari motivarlo con l’evidenza di qualche fondamento scientifico. Il resto, sono polemiche che servono a riempire le cronache, magari solo per dimostrare di esistere”.

Commenta per primo! "La maggioranza: “In Abruzzo non avviene nulla di ‘eversivo’ né di ‘pericoloso’”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*