La Porta e Scoccia soddisfatte per il protocollo fra Regione e Rfi

Le consigliere regionali La Porta (Lega) e Scioccia (Udc), si felicitano per il protocollo firmato a Roma tra il presidente Marsilio, RFI, Ministero dei Trasporti e la Regione Lazio. Ad una prima nota fatta circolare dalla consigliera leghista in cui sostiene che: “Finalmente, è stata sancita la strategicità, nel quadro delle infrastrutture nazionali di trasporto, della linea ferroviaria Roma Pescara” ha fatto seguito una nota speculare di Scoccia in cui ribadisce: “La velocizzazione della tratta Pescara-Roma renderà pienamente fruibile il trasporto su rotaia per gli abruzzesi, che, per troppo tempo hanno avuto come unica soluzione valida il trasporto su gomma”.

La Porta dal canto suo si intesta parte del merito ribadendo che: “Ad un collegamento veloce con Roma  sto lavorando sin dall’inizio della mia candidatura, raccogliendo istanze di cittadini, pendolari, sindaci, imprenditori. Come riportato sulla mia risoluzione, pubblicata in questi giorni sul B.U.R.A., una delle prime opere necessarie a migliorare la linea è la realizzazione di una galleria tra i comuni di Vicovaro e Marcellina opera che permetterebbe di creare il secondo binario fino a Vicovaro creando un importante hub sia per i comuni della Valle dell’Aniene  che per tutto il traffico ferroviario e stradale proveniente dall’Abruzzo e dalle regioni adriatiche.”

Nella risoluzione presentata dalla consigliera si impegnano il Presidente della Giunta e l’assessore competente ad attivare ogni azione utile  al fine di mettere in atto quanto previsto nel contratto di programma RFI, a valutare insieme a R.F.I. Spa la fattibilità progettuale e realizzativa della galleria Vicovaro-Marcellina con estensione del secondo binario fino a Vicovaro; a dare il consenso su uno studio di fattibilità per l’immediato utilizzo dei treni “Sangritana  Spa” sulla tratta Pescara Roma al  fine di migliorare i collegamenti dei pendolari con la capitale.

Scoccia rivendica l’operato della giunta regionale, rientrata fra i ranghi della maggioranza dopo le frizioni dei mesi scorsi per i dissidi con le altre forze di governo. Un equilibrismo dal quale dichiara che l’obiettivo del protocollo: “È quello di rispettare i tempi annunciati, a partire dalla presentazione del progetto, ma la vera sfida sarà per i nostri territori che dovranno essere pronti e attrattivi per sfruttare  questo potenziamento non solo nel verso Abruzzo – Lazio, ma soprattutto nel verso Lazio – Abruzzo per creare progetti, collaborazioni e generare nuovo indotto. Stiamo aprendo le porte del nostro Abruzzo a nuovi orizzonti e opportunità, sempre più connessi con il resto d’Italia pronti a raccogliere le nuove sfide di questo mondo che corre. Noi crediamo in un Abruzzo più grande”.

4 Commenti su "La Porta e Scoccia soddisfatte per il protocollo fra Regione e Rfi"

  1. Ferroviere in 1 87 | 6 Marzo 2020 at 20:29 | Rispondi

    Tra Vicovaro e Marcellina abbiamo Castel Madama e Tivoli, quindi oltre alla galleria, occorrerebbe una variante di tracciato, con tutto il dislivello del caso.

  2. A prescindere le stellette che anche “altri” non politici (forse) già si stanno cucendo al petto, quando la Scoccia usa il “Noi”,lo usa come plurale maiestatis, come plurale modestiae, o ancora peggio come plurale familiaris di ex politicus regionalis propugnator della bretella ferroviaria L’Aquila-Pescara?

  3. carlo torrelli | 7 Marzo 2020 at 09:51 | Rispondi

    si vergognassero, loro non hanno meriti ma solo demeriti.

  4. bene,dei cialtroni illusionisti,incapaci,incompetenti,tutte chiacchiere per dare a credere…
    i corridoi previsti, rete mista trasporti (ferro/strade/vie aeree/ navigabili) europea TEN-T sono diversi, 4 interessano l’Italia,nessuno prevede quanto del “protocollo”, la conferma sui siti Istituzionali,Rfi compreso,oltretutto la Tua Abruzzo(sul sito tutte le informazioni) investira’ circa 75 mil. in “mobilita'” …tanti nuovi “bus”, 12 operativi sulla linaa Abruzzo/Roma,tutto gia’ programmato,piani.progetti definitivi,finanziati,alcuni realizzati,non sono previste varianti… dunque spot pubblicitari per sudditi creduloni,o no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*