La ricerca della prof Calandra

Puoi andare in cerca di desideri sulle montagne d’Abruzzo, e incontrare presenze oscure. Puoi raccogliere speranze e progetti, che riannodino il filo del lavoro degli umani che hanno contribuito alla bellezza del paesaggio con orti terrazzati, campi aperti e multicolori, poggi solcati dal lento e simmetrico passaggio delle greggi, muretti a secco e maceri ammonticchiati…

Il contenuto di questo articolo è riservato ai membri Sostenitore

Registrati per continuare la lettura dell’articolo.
Sei sei gia iscritto, fai il Login
Visita la nostra pagina per saperne di più! InfoAbbonamenti