La Salvati con Salvini, la Lega entra a palazzo San Francesco

Da presidente del circolo del Pd, a “civica-Dem”, a civica di centrodestra, a iscritta alla Lega di Salvini. Roberta Salvati ha ufficializzato ieri a Chieti il suo nuovo outfit in verde e lo ha fatto sul palco insieme ai leader regionali e a quello nazionale della Lega, l’ex ministro degli Interni Matteo Salvini, giunto in Abruzzo per lanciare la candidatura di Fabrizio Di Stefano a sindaco di Chieti.
Il passaggio sul “Carroccio dei vincitori” era nell’aria e qualche sera fa Il Germe lo aveva anticipato, raccontando della cena tenutasi in un ristorante di Pratola Peligna dove si erano riuniti, su invito dell’imprenditore Piergiorgio Schiavo, i simpatizzanti di area. La consigliera comunale eletta con i Dem nella coalizione civica di Annamaria Casini, ora passata all’opposizione, aveva cercato di minimizzare e sviare, aveva detto di volersi solo guardare intorno, ma probabilmente la sua scelta era già compiuta.


Tant’è che ieri è stata presentata ufficialmente sul palco del Supercinema insieme alle altre dieci new entry nella Lega: Mario Colantonio, assessore di Chieti, e Betty Fusilli consigliere sempre di Chieti; Guido Di Bartolomeo sindaco di Bolognano e Camillo Zaccagnini, sempre di Bolognano; Ivan Verzilli e Mimmo Sbraccia, consiglieri a Teramo; Desy Pagnottella e Claudio Mettimano assessori a Morro d’Oro (Teramo); Stefano Mariano, vice sindaco, e Romeo Paletta, consigliere, entrambi di Isola del Gran Sasso (Teramo).


Con l’ufficializzazione del passaggio di Roberta Salvati alla Lega, è probabile che forse già dal prossimo consiglio comunale, che si terrà entro la fine dell’anno, verrà ufficializzata anche la costituzione del gruppo della Lega a palazzo San Francesco. E’ la prima volta che Alberto da Giussano varca la soglia dell’assise sulmonese.

15 Commenti su "La Salvati con Salvini, la Lega entra a palazzo San Francesco"

  1. bene,ora e’ chiaro a tutti,nessuna ideologia,convinzione,pensiero,riferimento politico,fede ecc nel borgo/feudo del signore della terrazza,la corte e’ “imbottita” di vari personaggi,
    quasi tutti incompetenti,piu’ delle comparse per avanspettacolo, varieta’,buffoni,illusionisti
    nani,ballerine,dame,cortigiane,ecc,ecc, tutti credono di essere indispensabili, primiattori,
    primedonne,tutti presuntuosi,arroganti,vanagloriosi…
    tanti i sudditi creduloni che applaudono festanti ,pochi,pochissimi i Consapevoli, quelli che sanno “riconoscere” le persone competenti,distinguere quelle brave, dalle varie Ninola di a m’arcord…o no?

  2. Warning

  3. Beh, è stata un po’ con tutti…e ora con quelli che “Prima gli abruzzesi” ma che poi si astengono quando c’è da votare contro l’aumento dei pedaggi autostradali. Quelli il cui capo politico storico ha da poco affermato che: “è giusto aiutare quelli del sud (noi) altrimenti straripano come l’Africa”. Brava, complimenti! Se mai arriverà il giorno in cui quelli della Lega dovranno ritirare fuori 49 milioni, chissà se il soggetto parteciperà alla colletta 🤣

  4. Ha fatto benissimo …..i tanti denigratori chi sono gli amici di Brunetto ?? o del Prezzano ? Sulmona ha bisogno di una ripulita totale ….e anche se La Salvati era nel pd bisogna ammettere che è stata l’unica che non ha mai fatto le porcate fatte dagli altri !forza lega

  5. Per certo vi sono detrattori e sostenitori di tutto e di tutti, come non vi è nessuno che non abbia mai fatto peccatto in atti politici come nel votare.
    Il moralismo (ovviamente falso e indirizzato) in politica non ha mai prodotto nulla se non parole al vento.

  6. Ma cos’è la Destra… cos’è la Sinistra… pronti a saltare di qua e di là come sempre… complimenti!

  7. dal PD alla Lega che vuoi che sia….:)))) se poi vedete anche chi sarà il candidato sindaco di Chieti vi rendete conto.

  8. Sta facendo la collezione…..poi salira’ anche sul carro delle Sardine…oh scusate entrerà’ anche dentro la scatole delle sardine….sotto olio….poi si vedra’….forse ricomincia il giro dall’inizio

    • Me se in politica ci prendono bei soldi di paga tutti i mesi (oltre la mano libera a rubare) è chiaro che la politica diventa una sorta di chimera sociale ,funzionale al sistema come i sogni delle lotterie. Ormai, in politica ,essere eletti è non altrimenti percepito che fare un terno al lotto senza nessuna altra obbligazione morale che incassarsi i soldi della vincita come al lotto. Perciò la politica è la costante aspirazione di una qualità di gente di questa stessa decadente elevazione, non differendo i tentativi nelle sedi dei partiti come i tentativi nelle sale giochi.La Salvati ha solo cambiato la terzina dei numeri che si gioca ma il fine è rimasto lo stesso,vincere per incassarsi l’avido denaro della vincita.

  9. Roberta Salvati: che delusione! Da un giorno all’altro salta sul carro del presunto vincitore. Una vergogna assoluta: dall’oggi al domani. Una persona senza dignità , senza coerenza, senza identità.
    Spero che la sua carriera sia finita e che nessuno più la voti.
    Soggetti così, opportunisti senza vergogna, devono scomparire dalla politica, che è una cosa seria. E’ governo della città con coerenza e abnegazione.

  10. Ma chi è questa donna che dall’oggi al domani cambia le sue idee politiche. Le rovescia: dalla sinistra alla destra più oltranzista. Ricordo che mio fratello me la presentò con orgoglio, una delle poche donne attive in politica!
    All’apparire del vero tu misera cadesti: una voltabandiera, un io e non io, un essere e non essere. Dovrebbe scomparire per sempre dalla vita politica cittadina e abruzzese.

  11. I traditori sono sempre esistiti.
    Dante Alighieri pone i traditori del partito nell’inferno, nella ghiaccia del Cocito.
    Noi, laicamente, le togliamo il saluto e, interiore homine la mandiamo a quel paese.

  12. Si può cambiare idea politica nel tempo, attraverso lo scontro, il contrasto, la DELUSIONE.
    MA PASSARE, DALL’OGGI AL DOMANI, DA UN PARTITO DI SINISTRA AD UNO DI DESTRA RAZZISTA, E’SOLO INIMMAGINABILE.
    UNA VERGOGNA!
    SOLO UNA DOMANDA: CHE COSA SALVINI O CHI PER LUI LE HANNO PROMESSO?
    FORSE UNA CANDIDATURA AL PARLAMENTO:STAREMO A VEDERE.

  13. Carletto di Mascio | 26 Dicembre 2019 at 8:32 pm | Rispondi

    Che faccia di “tola” si dice a Milano, per chi ha una faccia tosta.
    Dall’oggi al domani passa da sinistra a destra, così, senza una ragione se non la promessa di chi sa quale ricompensa. Ce lo dica la Roberta …di chi se la piglia.
    Dovrebbe spiegare ai suoi elettori perché li ha traditi per l’uomo del nord.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*