L’abruzzo del turismo con una programmazione da 44milioni di euro

Questa mattina Francesco Di Filippo, nuovo direttore del dipartimento turismo cultura e paesaggio della Regione Abruzzo era sulla Rai, nel programma Uno Mattina, a raccontare delle bellezze abruzzesi e delle potenzialità turistiche che condensano in un’unica regione diverse aspetti, da integrare, da esaltare, potenziare per rilanciare in questi termini l’Abruzzo. Ieri è stato sottoscritto, invece, il primo Contratto istituzionale di sviluppo (Cis) in materia turistica che vede protagonista se

mpre  l’Abruzzo, quello delle aree montane. Si tratta di Innovatur, primo passo per avviare una seria programmazione che prevede investimenti e sviluppo nel settore del turismo per ben 44 milioni di euro. L’Abruzzo rappresenta, in questo senso, il quarto caso,  dopo Taranto, Pompei e Matera, città finanziate dal punto di vista della cultura. Particolari che sarano definiti a partire da martedì in una prima riunione operativa del Cis formato da Regione Abruzzo, Province, Polo di innovazione e la Pmc.

Nello specifico l’iniziativa, che sarà presentata nel dettaglio entro

marzo, prevede di attivare un programma strategico ed integrato per lo sviluppo sostenibile ottimizzando strumenti e risorse per la realizzazione di investimenti pubblici e privati. Al centro c’è la “complementarità di azione e di spesa per lo sviluppo e la coesione territoriale, accelerare la spesa e indirizzarla sulle linee guida e le azioni definite nel ‘libro bianco per lo sviluppo sostenibile in Abruzzo’” si legge nella nota.

Le aree montane interessate dall’intervento sono i comuni del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, del Parco Nazionale Majella, del Parco Regionale Sirente-Velino, del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga. Aree diverse, ma pensate, in questo caso, come una unica: montana, “per

assicurare una continuità territoriale” dove verranno individuate ulteriori  “zone obiettivo”. “L’omogeneità dei diversi ambiti su cui si articola il CIS- spiega il presidente della Provincia dell’Aquila, Angelo Caruso- è individuata sulla base di elaborazioni programmatiche finalizzate allo sviluppo sostenibile delle stesse e che i contesti sui quali potranno essere articolate le azioni del medesimo CIS saranno assunti in coerenza con gli strumenti di pianificazione socio-economica elaborati o da elaborarsi in virtù delle peculiarità e delle esigenze del territorio di riferimento”. Al tavolo operativo siederanno:  la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, il Ministero dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo, il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, il Ministero Infrastrutture e Trasporti, la Regione Abruzzo, un rappresentante per ciascuna delle Province abruzzesi.

S.P.

Commenta per primo! "L’abruzzo del turismo con una programmazione da 44milioni di euro"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*