“Le nostre mani intinte nell’onesta”, Pratola Bellissima risponde a Fabrizi

Continuano a volare gli stracci a Pratola Peligna durante la corsa alle Amministrative del prossimo 12 giugno. Ora è la lista della sindaca uscente, nonché candidata al secondo mandato, Antonella Di Nino, Pratola Bellissima, a rispondere alle accuse mosse dalla lista Pratola Città Futura del candidato sindaco Alfonso Fabrizi. “Il candidato a Sindaco di Pratola Città Futura Alfonso Fabrizi – esordisce la Di Nino – non può dare lezioni di comportamento, garbo istituzionale e trasparenza a nessuno. Ha esordito tacciando la nostra Amministrazione di una “gestione poco trasparente ed anche clientelare”, ha proseguito utilizzando il termine “malcostume”, e definito i “servizi pubblici comunali poco efficienti, carenti e poco rispettosi dei cittadini con meno dimestichezza con la burocrazia” nella lettera che ha segnato il suo esordio in campagna elettorale. Magari chieda al figlio che ha posto la sua professionalità al servizio del Comune negli ultimi 5 anni, al quale ha finito pure per rivolgere le sue accuse, se gli uffici sono così come li definisce lui. Per di più inventa un paio di aggettivi che nessuno gli hai mai rivolto, cercando una rissa verbale che stigmatizziamo senza mezzi termini. Chi ha mai usato il termine ritardatari, chi ha mai parlato di dignità?”.

Uno sfogo che fa capire abbastanza bene il livello di tensione che si avverte a Pratola Peligna in questi ultimi giorni. L’apertura dei seggi dista ancora più di due settimane, e più passa il tempo e più il clima si fa rovente. ” Nel giorno in cui Fabrizi firma l’ennesimo delirio – prosegue la nota di Pratola Bellissima – un post del Pd di Pratola Peligna parla delle loro mani pulite, lasciando trasparire il dubbio sulla nostra attività amministrativa. Un atteggiamento gravemente insinuante e aggressivo, e solo perché a basse insinuazioni e a rilievi politici che riteniamo fuori dalla realtà sappiamo rispondere con argomentazioni inattaccabili. E proprio a partire da Valle Madonna: abbiamo risposto con un comunicato, e il Sindaco è poi intervenuto con un video intervista nel quale ha ricostruito con dovizia di particolari tutti i passaggi amministrativi resi con trasparenza e onestà assolute. Che dire, poi, della questione della delega, sulla quale Pd e Pratola Città Futura fanno sfoggio di un’imbarazzante impreparazione: con le incompatibilità di Sindaco e Vice Sindaco, tocca al Consigliere comunale più anziano della maggioranza (quello eletto con il maggior numero di voti) firmare gli atti relativi, senza bisogno di alcuna delega. Inizino a leggere il Testo Unico degli Enti Locali e soprattutto a fare la campagna elettorale al di fuori dell’unico argomento che gli sta cuore e che conoscono pure male, sul quale non intendiamo più aggiungere e replicare. Se gli esponenti di Pratola Città Futura sono a conoscenza di comportamenti lesivi della buona amministrazione o altro, si rivolgano agli organi competenti e se ne assumano la responsabilità. Del resto, sulla inattendibilità delle loro ricostruzioni parla il video sugli apprezzamenti al Sindaco Di Nino del segretario del loro partito di Sulmona, che si sono affrettati a smentire senza averlo ascoltato salvo fare poi l’ennesimo fragoroso botto dinanzi alla realtà”. 

“Ma davvero vogliono far credere di essere i soli paladini della serietà e della competenza amministrativa? – conclude la nota – Davvero pensano che soltanto a loro sia consentito l’utilizzo di ogni termine? Persino quello di strumentalizzare la parola beneficenza per raccogliere consenso elettorale? Ma di che parlano? Fa sorridere questa presunta superiorità morale. Le nostre mani sono intinte nell’onestà, cerchino altrove i comportamenti opachi e sottotraccia. E stiano tranquilli, perché sul confronto programmatico abbiamo una miriade di argomenti e nessun timore di affrontarlo”. 

1 Commento su "“Le nostre mani intinte nell’onesta”, Pratola Bellissima risponde a Fabrizi"

  1. Alta Tensione….
    So’ fort i Pratulen hanno passione.
    Pratola Kummanan
    Pratola Bellissima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*