Lega Sulmona su Consorzio: “Individuare i responsabili e sostenere gli agricoltori”

Sulla vicenda del consorzio di bonifica Aterno Sagittario interviene La Lega Sulmona attraverso il coordinatore Nicola Di Simone e la capogruppo in consiglio comunale Roberta Salvati. Si spera “che con la nuova legge e la gestione commissariale dell’Ente – si legge in una nota -“, si possano individuare gli autori (già noti) di questo disastro e dopo averli chiamati alle loro responsabilità, si avvii un percorso di risanamento nella più totale trasparenza a beneficio dei consorziati e di riflesso della collettività tutta. Il nostro impegno, sarà soprattutto quello di vigilare su tutta l’attività del Consorzio, fino al totale risanamento “.

In riferimento alla conferenza stampa organizzata dall’assessore Emanuele Imprudente la Lega Sulmona sottolinea: “L’incontro, organizzato come noto alla presenza del Commissario Sergio Iovenitti per chiarire la gravissima situazione contabile ed amministrativa riscontrata, ha evidenziato arretrati e buchi finanziari pesanti lasciati dalle passate gestioni. Il Commissario ha difatti illustrato il lavoro fin qui prodotto mettendo in luce carte alla mano, procedure amministrative, atti e delibere quanto meno dubbi, che hanno prodotto condizioni debitorie gravi ed imbarazzanti, già ampiamente riportati dalla stampa locale”.

Una situazione in cui ad essere tutelati devono essere i consorziati “che hanno diritto a ricevere un regolare servizio. E questa è anche la preoccupazione della Lega Sulmona che, conclude, come sia necessaria “una legge e una riforma era più che mai indispensabile. Più che mai in questo Consorzio che non ha eguali nel resto d’Abruzzo per tipologia di esposizione debitoria”.

1 Commento su "Lega Sulmona su Consorzio: “Individuare i responsabili e sostenere gli agricoltori”"

  1. Chi è responsabile del dissesto ripaga i debiti perché è stato pagato x amministrare bene non x il dissesto….altrimenti tutti sono capaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*