Lo schiaffo del San Raffaele

  Un annuncio che arriva come uno schiaffo, inaspettato, in una Valle che negli anni ha assistito inerme a chiusure, licenziamenti, spopolamento, tanto da pensare di averle pure finite le vertenze. Certo, sul piatto del San Raffaele, i numeri di quelli che rischiano il posto non sono di decine o centinaia, cifre che forse desterebbero…

Il contenuto di questo articolo è riservato ai membri Sostenitore

Registrati per continuare la lettura dell’articolo.
Sei sei gia iscritto, fai il Login
Visita la nostra pagina per saperne di più! InfoAbbonamenti