Lotta alle droghe, gli studenti altosangrini incontrano la scrittrice Giorgia Benusiglio

Le scuole altosangrine si apprestano ad incontrare la scrittrice Giorgia Benusiglio, da anni in prima linea nella lotta contro la droga. La Benusiglio, infatti, rischiò la vita nel 1999, quando durante una serata in discoteca, Giorgia, allora ragazza di 17 anni, ingoiò mezza pasticca tagliata con veleno per topi. La giovane perse conoscenza e solo un trapianto di fegato le salvò la vita.

Giorgia è testimonial d’eccezione sul tema sempre attuale dei danni provocati dagli stupefacenti. Ogni anno incontra migliaia di studenti per raccontare la sua esperienza. La sua presenza nelle scuole è di fondamentale importanza. “Non bisogna mai abbassare la guardia – afferma la preside Cinzia D’Altorio -. Per i ragazzi sarà un momento indimenticabile che farà riflettere tutti su un pericolo sempre in agguato. Essere di fronte a Giorgia, ascoltarla, poter interagire con lei direttamente resterà un patrimonio indelebile nella vita di ogni ragazzo”.

Oggi Giorgia è sorridente con i suoi profondi occhi verdi, piena di entusiasmo e di passioni, come merita una donna che oggi ha 40 anni e ieri stava rischiando di sprecare per nulla la sua esistenza. Una storia vera e paradigmatica, che Giorgia ha scolpito in un bellissimo libro intitolato “Io non smetto, la vita è uno sballo” (edizioni Mondadori).

Due gli incontri speciali sul territorio il 7 marzo prossimo intessuti insieme all’Associazione “Festival della vita”. Alle ore 8.30 incontrerà a Castel di Sangro gli studenti dell’istituto Patini Liberatore. Alle 11.30 incontrerà gli alunni del De Panfilis- Di Rocco nella Sala consiliare del Comune di Roccaraso insieme ad una delegazione del Serpieri e agli amici della Comunità figlia di Sion.

Commenta per primo! "Lotta alle droghe, gli studenti altosangrini incontrano la scrittrice Giorgia Benusiglio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*