Ludopatico a 18 anni, picchia e rapina i familiari. Condannato

A denunciarlo, alla fine, erano stati i genitori, non tanto perchè erano, almeno la madre, le vittime principali delle sue continue richieste di denaro, quanto perchè non sapevano più come porre un freno e un argine a quella che era diventata una vera e propria dipendenza: quella dalle slot machine.

Per i reati di maltrattamenti in famiglia e rapina, così, nei giorni scorsi è stato condannato ad un anno e sette mesi di reclusione (oltre a 400 euro di multa) Matteo Bonasia, 21 anni di Sulmona.

Il giovane tra il marzo e il settembre del 2016, appena maggiorenne, aveva cominciato a fare sempre più pressanti richieste di denaro, presentandosi nel negozio di parrucchiera della madre e prelevando, a volte con la violenza, i soldi che erano nel cassetto, fino a prendere a ceffoni la zia, che lavorava con la madre, per prenderle dalle tasche la somma di appena 8 euro.

“Una richiesta continua di denaro, 10, 20 o 50 euro, che bruciava nel giro di pochi minuti – hanno raccontato i testimoni durante il processo – entrava in negozio come stregato da un’impellenza incontrollabile. Per quanto abbiamo potuto lo abbiamo accontentato, ma poi ci siamo resi conto che andava a spenderli alle slot machine e che il suo era un problema”. Il ragazzo, ha raccontato il padre ai giudici, era arrivato a maturare debiti anche pesanti, fino a mille euro. “In qualche modo andava fermato”.

Di qui la denuncia e la condanna del giudice Daniele Sodani che ha riconosciuto al ragazzo, difeso dall’avvocato Romilda Ratiglia, tutte le attenuanti ed escluso le aggravanti.

2 Commenti su "Ludopatico a 18 anni, picchia e rapina i familiari. Condannato"

  1. WARNING – il commento è stato rimosso perché usa un linguaggio offensivo

  2. Avete fatto benissimo a mettere nome e cognome di questo ragazzo, ovviamente pericolosissimo per la società!
    Spacciatori in anonimo mi raccomando eh?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*