Mascherine, 6 mila in distribuzione a Sulmona

Saranno consegnate 6 mila mascherine ai cittadini di Sulmona. “Si tratta di una prima tranche, richiesta alla Protezione Civile Regionale, che verrà subito distribuita in città, per contribuire a proteggere i cittadini, soprattutto quelli più deboli al fine di contenere il contagio del virus – lo rende noto la sindaca Annamaria Casini -. Si procederà alla consegna in diverse modalità, al fine di evitare assembramenti e rispettare la normativa vigente. Circa 1500 mascherine saranno donate insieme ai buoni spesa, che ritireranno i nuclei familiari beneficiari presso il Comune di Sulmona,  e con i pacchi alimentari della “Spesa Sospesa”, nell’ambito del progetto di solidarietà alimentare che la Protezione Civile locale sta realizzando in collaborazione con la Caritas Diocesana e i numerosi esercizi commerciali della filiera alimentare aderenti all’iniziativa”.

Le altre mascherine saranno distribuite a domicilio sin da domani venerdi 10 aprile a chi ne farà richiesta direttamente  Protezione Civile, contattando i seguenti numeri attivi presso il COC:  351 9631069; 3351239074. 

Aggiunge Casini: “Voglio ringraziare ancora una volta i volontari della Protezione Civile cittadine (Ana, Cisom, Vpc, Cri)  per la disponibilità e il grande impegno profuso in questi giorni difficili e complessi. Invito la cittadinanza ad essere molto rigorosa anche e soprattutto in questi giorni, restando a casa e uscendo il meno possibile solo per motivi di necessità e in tali occasioni indossare mascherine. Mi rivolgo in particolare” conclude il sindaco “ alle fasce più deboli e più fragili della popolazione, come gli anziani soli e coloro che sono in maggiore difficoltà, di affrettarsi a chiamare la Protezione Civile per farsi consegnare a domicilio i dispositivi sanitari necessari”.

2 Commenti su "Mascherine, 6 mila in distribuzione a Sulmona"

  1. bene,una banda di incapaci,incompetenti,inconcludenti…le mascherine,meglio i materiali idonei alla protezione dovevano, prima della dichiarazione di epidemia ,essere gia’ disponibili ,soprattutto nelle strutture sanitarie,oltretutto quest’ultime ,con voluta negligenza ,sono state contagiate,non piu’ idonee,sicure per i servizi sanitari generali,questi amministratori del nulla piu’ illusionisti sono semplicemente inutili,quelli con meriti per raggiunti risultati, sanno perfettamente cosa fare,nessuna richiesta,i materiali vengono distribuiti,recapitati a tutti i Cittadini,naturalmente per “limitare” l’uscita ad un sola persona,efficienza,efficacia,utilita’ basta chiacchiere,annunci,
    dichiarazioni,o no?

  2. A tutt’oggi 15/04 delle mascherine non se ne sentita neanche la puzza. Quando ci saranno consegnate a pandemia terminata?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*