Mistero sulla Fiera dell’Assunta: annullata l’edizione 2021

Sembra di essere tornati indietro, al 1995, e Adelmo Fornaciari, al secolo Zucchero, veniva passato in radio con il suo singolo “X colpa di chi?”. Questa è la domanda che più o meno si stanno facendo tutti sull’annullamento della Fiera dell’Assunta, perché ad ora non è ancora chiaro chi abbia alzato per primo bandiera bianca davanti al Covid, se il Comune o l’organizzazione stessa.

Sarebbe dovuto essere uno degli eventi di punta, insieme al Muntagn In Jazz, ma anche la Fiera dell’Assunta è svanita dal cartellone estivo degli eventi sulmonesi. Una botta di spugna e via, bancarelle ed espositori cancellati dalla Villa Comunale. “Problemi legati alla sicurezza e al Green Pass – dice l’assessore Cozzi a IlGerme – Io l’ho appena saputo dagli uffici, ma sono stati gli organizzatori a preferire di non farla”. Il Comune era disposto ad mantenere l’evento in calendario, con il dovuto piano sicurezza studiato dai tecnici, ma a detta dell’assessore è stato proprio chi organizza ad aver fatto un passo indietro. Il motivo sarebbe da ricercare in misure ancora più stringenti del previsto e comunicate solo oggi, 9 agosto, agli organizzatori.

Dal canto loro, gli artigiani in procinto di stanziarsi lungo il centro storico il 15 e 16 agosto, reclamano una mancata volontà dell’Amministrazione di confermare la fiera dell’Assunta. Di fatti l’organizzazione ha rispettato tutte le scadenze nei tempi prestabiliti e secondo i piani sicurezza previsti. Infatti, la fiera avrebbe traslocato da Corso Ovidio, storica cornice delle bancarelle dell’Assunta, alla Villa Comunale. Tra direttive e disposizioni comunali, con un massimo di banchi (quindi in versione ridotta) e la garanzia di distanziamento più che una fiera si sarebbe dovuto parlare di mercatino dell’Assunta.

A rimetterci sono più soggetti. I cittadini in primis, depauperati ancora di un evento estivo. Poi, naturalmente, i turisti privati di qualsiasi attrazione durante Ferragosto. E per fortuna che ci si vanta di essere una città turistica, pronta ad accogliere e ad abbracciare chi viene a visitare Piazza Garibaldi, e non solo. Economicamente il danno arriva agli espositori, i quali avevano già fatto i bonifici per per il pagamento del posto all’organizzazione ed ora attendono di ricevere la quota versata. Ovviamente, a rimetterci, sono gli organizzatori stessi (che non hanno voluto rilasciare dichiarazioni) i quali erano in trattativa da aprile per la Fiera, e a stretto giro dovranno trovare un’alternativa. Insomma, non si trova il colpevole, ma sicuramente le vittime di questo ennesimo “non-evento” sono molteplici

5 Commenti su "Mistero sulla Fiera dell’Assunta: annullata l’edizione 2021"

  1. Ma era palese. Avrebbero dovuto blindare corso e villa predisponendo varchi di ingresso e uscita tutti presidiati da personale addetto al controllo. Lo stato italiano si assuma le responsabilità civili/penali e renda obbligatorio il vaccino per tutti. Ad oggi non sappiamo i risvolti a breve/medio/lungo termine di questo vaccino sperimentale.

  2. Siete patetici.Dopo avere perso la Madonna che scappa in piazza e la fiera cavalleresca non mi sembra che l’annullamento della cosiddetta Fiera dell’Assunta sia una grossa perdita per Sulmona. Trattasi di quattro bancarelle di cianfrusaglie made in Cina da voi chiamate “oggetti di artigianato” e che si trovano dappertutto. Poi il 15 e 16 agosto chissà quanti cittadini resteranno a Sulmona!

  3. Io sono una artigiana sulmonese, lavoro la lana all’uncinetto e avevo già pagato il mio spazio di tre metri alla fiera. Se qualcuno dice che ci sono solo bancarelle di cianfrusaglie è perché non ci è mai venuto alla fiera, e se ci è venuto non è stato in grado di distinguere la bellezza e l’unicità di lavori artigianali. La mentalità chiusa di questo paesone provinciale è tutta nelle parole che leggo in quel commento. Bisogna avere rispetto per chi crea pezzi unici e con enorme fatica e sacrificio cerca di esporli e venderli per strada.

  4. Una manifestazione all’aperto;il mantenimento dei DIS;l’accortezza di evitare assembramenti,renderebbe possibile la manifestazione.I festeggiamenti per i campionati europei,i segnano che un grande rebound,non c’è cstato.E poi,si vive una sola volta.

  5. Ma la fiera no..la fiera non si può 🎼 | 9 Agosto 2021 at 17:38 | Rispondi

    Ma la fiera no..ma lo street food si..che strano..come per la prima problemi assembramenti covid e per la seconda magicamente problemi risolti..🤔stemme a sulmone.. il paese dell’incontrario..ma sempre per gli altri..per gli amici mai..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*