Morte in cella, la procura acquisisce la cartella clinica. Oggi i funerali di Di Rocco

Si svolgeranno oggi (ore 15 nella chiesa di Cristo Re) i funerali di Mariano Di Rocco, il cinquantaseienne di Sulmona trovato morto il 4 ottobre scorso nella sua cella del carcere di Castrogno a Teramo. Sull’uomo ieri è stata eseguita l’autopsia da parte del medico legale Giuseppe Sciarra incaricato dalla procura di indagare le cause della morte. Per il responso e i risultati istologici ci vorrà del tempo, tuttavia non è tanto la causa finale del suo decesso, dovuto probabilmente ad un infarto, quel che interessa gli inquirenti, quanto quel che ha preceduto la sua morte.

Di Rocco era infatti recluso in carcere nonostante, secondo i legali, a loro volta supportati da perizie mediche, le sue condizioni di salute non fossero compatibili con il regime carcerario. Le istanze di scarcerazione avanzate per ben due volte per questo motivo, però, sono state del fatto ignorate fino a far peggiorare irreversibilmente le sue condizioni di salute negli ultimi giorni.

La procura di Teramo ha provveduto ieri ad acquisire la cartella clinica di Di Rocco e in particolare quella redatta a seguito del suo ultimo ricovero all’ospedale di Teramo a seguito del quale, a sentire i familiari, Di Rocco era notevolmente peggiorato. La stessa famiglia ha presentato una denuncia contro ignoti per capire perché Mariano Di Rocco sia morto, perché sia morto in quella cella dove non doveva trovarsi e se la sua morte si poteva evitare.

1 Commento su "Morte in cella, la procura acquisisce la cartella clinica. Oggi i funerali di Di Rocco"

  1. Basta magistrature campestri. Chiusura dei Tribunali minori e circoscrizione unica nazionale , esclusivamente in rete. Per un più efficiente più uniforme più efficace più economico e PIÙ GIUSTO funzionamento della Giustizia, senza serie A e serie B,se non alcune volte serie C o Zeta , come non altrimenti definibili alcuni casi ( e per fortuna non sempre) di sconfitta eclatante del sistema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*