Muore a 63 anni ex assessora

E’ morta questa mattina all’età di 63 anni Annarita Di Loreto, avvocata ed ex assessore al Comune di Sulmona in una delle giunte avvicendatesi durante la sindacatura di Annamaria Casini e membro del consiglio dell’ordine forense di Sulmona per un decennio.

Di Loreto, originaria di Pratola, paese al quale era molto legata, viveva a Sulmona ormai da diversi anni, ex moglie del socialista Massimo Carugno, era molto attiva nel sociale.

E proprio in questo settore, dal maggio del 2018, era stata nominata assessora dalla Casini, in uno dei tanti rimpasti del quinquennio. Con determinazione e sempre lontana dalle risse della politica, si era dedicata in particolare alla costituzione dell’Ecad e al progetto della “Vita indipendente”, trovandosi a confrontare anche con le difficili situazioni nella gestione delle scuole e in particolare del nido Isola Felice quando dovette traslocare nella sede del nucleo industriale. Situazione che affrontò con determinazione insieme al suo compianto collega di giunta Nicola Angelucci.

“Un dolore intenso, perché la Città perde una donna in gamba, uno stimato avvocato, un’amica generosa, ironica, sempre pronta ad impegnarsi con entusiasmo e determinazione per la collettività – la ricorda così la sindaca Casini -, avvalendosi di quell’ottimismo contagioso che la spingeva a cercare soluzioni ai problemi sempre con il sorriso e cordiale disponibilità”.

Annarita Di Loreto era malata da tempo e aveva affrontato la sua malattia con coraggio e senza risparmiarsi. Da qualche mese le sue condizioni erano però peggiorate.

La salma sarà esposta da oggi presso la Casa funeraria Caliendo e Salutari dietro all’ospedale, il funerale si terrà domani alle ore 16 presso il Santuario della Madonna della Libera a Pratola Peligna.

2 Commenti su "Muore a 63 anni ex assessora"

  1. Eri una donna straordinaria,e lo resterai sempre nei cuori di chi ti ha amata e stimata

  2. Carlo Alicandri-Ciufelli | 22 Settembre 2021 at 16:01 | Rispondi

    Mi mancherà la sua simpatia, la sua ironia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*